adagiare

v. tr. [io adàgio ecc.] collocare, posare con riguardo; deporre con cura: adagiare un bambino sul letto , un ferito sulla barella | adagiarsi v. rifl.

1.  distendersi, sdraiarsi, mettersi comodo: adagiarsi sul divano

2.  (fig.) lasciarsi andare, abbandonarsi: adagiarsi nell'ozio | adagiarsi sugli allori , essere soddisfatto dei risultati ottenuti, non preoccupandosi di migliorarli.

riadagiare

v. tr. [io riadàgio ecc.] adagiare di nuovo | riadagiarsi v. rifl. adagiarsi nuovamente. 

leggi

colcare

v. tr. [io còlco , tu còlchi ecc.] (ant. lett.) coricare, adagiare | colcarsi v. rifl. (ant. lett.) coricarsi. 

leggi

adagiamento

s.m. (non com.) l'adagiare, l'adagiarsi (anche fig.). 

leggi

adagio

avv.  (1) piano, lentamente, senza fretta: camminare , parlare adagio | adagio adagio, con molta lentezza; (fig.) a poco a poco. dim. adagino  (2) con cura, in modo riguardoso e delicato; con cautela e circospezione: posare adagio un oggetto fragile ; andare adagio con le innovazioni inter. esortazione alla riflessione, alla calma: adagio! non è così semplice s.m. invar. (mus.) movimento o singolo brano di andamento intermedio tra il «largo» (più lento) e l'«andante» (un...

leggi

adagio

s.m. proverbio; massima: un vecchio adagio.  

leggi

Sitemap