adottato

part. pass. di adottare agg. e s.m. [f. -a] che, chi è assunto come figlio adottivo (legittimo) da persona diversa dal padre e dalla madre.

adottatore

s.m. [f. -trice] (antiq.) chi adotta; adottante. 

leggi

gonfalone

ant. confalone, s.m. vessillo adottato come insegna dai comuni medievali; oggi, stendardo di città, province, regioni, associazioni, confraternite e sim. 

leggi

champenois

agg. [f. champenoise] si dice del metodo classico di lavorazione dello champagne, adottato anche per altri vini secchi o brut. 

leggi

adottare

v. tr. [io adòtto ecc.] (1) (dir.) assumere un figlio altrui in qualità di figlio legittimo tramite l'istituto dell'adozione (2) (fig.) far proprio; scegliere, seguire: adottare un sistema di vita | adottare un libro di testo , sceglierlo come testo di studio per una classe in una data materia (3) (fig.) prendere, attuare: adottare un provvedimento , misure urgenti.  

leggi

adottabile

agg. che si può adottare. 

leggi

adottabilità

s.f. (dir.) la condizione di chi può essere adottato: stato di adottabilità , è dichiarato dal tribunale dei minorenni. 

leggi

adottando

agg. e s.m. [f. -a] (dir.) che, chi deve essere adottato. 

leggi

adottante

part. pres. di adottare agg. e s.m. e f. (dir.) che, chi adotta; chi compie un'adozione. 

leggi

adottivo

agg. che è divenuto tale in seguito a un atto di adozione: figlio , padre adottivo.  

leggi

Sitemap