declivo

vedi declive.

declamare

v. tr. leggere, recitare con tono solenne, anche accompagnando le parole con gesti: declamare un'ode | v. intr. [aus. avere] (1) parlare in modo enfatico (2) (non com.) protestare, inveire contro qualcuno o qualcosa. 

leggi

declamato

part. pass. di declamare e agg. nei sign. del verbo s.m. (mus.) tipo di canto scandito sulla parola, assimilabile al recitativo, usato spec. nel melodramma moderno. 

leggi

declamatore

s.m. [f. -trice] (1) chi declama in pubblico (2) chi parla con enfasi. 

leggi

declamatorio

agg. proprio di chi declama; enfatico, retorico: tono , stile declamatorio.  

leggi

declamazione

s.f.  (1) il declamare; il modo, la tecnica di declamare | il brano declamato (2) discorso, componimento ampolloso e retorico (3) nell'antica roma, esercitazione scolastica di arte oratoria. 

leggi

declaratoria

s.f. (dir.) provvedimento giuridico a carattere dichiarativo. 

leggi

declaratorio

agg. (dir.) che dichiara; si dice soprattutto di sentenze che non modificano ma solo accertano una situazione giuridica. 

leggi

declassamento

s.m. il declassare, l'essere declassato. 

leggi

declassare

v. tr. far passare da una classe superiore a una inferiore; abbassare, degradare: declassare una vettura ferroviaria ; declassare un impiegato.  

leggi

declinabile

agg.  (1) (gramm.) che si può declinare (2) che si può rifiutare; ricusabile. 

leggi

Sitemap