deformazione

s.f.

1.  il deformare, il deformarsi, l'essere deformato; la parte deformata | deformazione professionale , particolare distorsione della mentalità o del comportamento indotta dall'abitudine a esercitare un dato lavoro

2.  (fis.) cambiamento di forma di un corpo per effetto di una forza esterna: deformazione elastica , quella che cessa al cessare della forza; deformazione permanente , quella che permane al cessare della forza.

elettrostrizione

s.f. (fis.) deformazione elastica di un dielettrico prodotta da un campo elettrico. 

leggi

ammaccatura

s.f. deformazione prodotta su una superficie da un colpo. dim. ammaccaturina | (estens.) lesione superficiale, segno di un colpo. 

leggi

deformità

s.f.  (1) stato di chi o di ciò che è deforme (2) (med.) deformazione permanente, congenita o acquisita. 

leggi

imbutitura

s.f. (mecc.) lavorazione per deformazione plastica a freddo di lamiere metalliche, impiegata nella produzione di elementi con superfici concave o convesse. 

leggi

magnetostrizione

s.f. (fis.) fenomeno di deformazione meccanica cui sono soggetti i corpi ferromagnetici quando vengono magnetizzati (p. e. ferro, nichel). 

leggi

accartocciamento

s.m.  (1) l'accartocciare, l'accartocciarsi (2) (arch.) fregio a forma di cartoccio (3) (bot.) deformazione fogliare provocata da insetti (acari e afidi) o da funghi parassiti. 

leggi

deformante

part. pres. di deformare agg. nei sign. del verbo | artrite deformante , (med.) artrite che produce la deformazione dei capi articolari. 

leggi

leontiasi

s.f. (med.) deformazione della faccia, che assume un aspetto simile a quella del leone; è causata da ipertrofia ossea o da accumulo di lepromi (nella lebbra). 

leggi

incrudimento

s.m. fenomeno per il quale i metalli, in seguito a lavorazioni mediante deformazione plastica, acquistano maggior durezza, resistenza ed elasticità, perdendo nello stesso tempo in duttilità. 

leggi

fucinatura

s.f. lavorazione per deformazione a caldo dei metalli che, riscaldati nella forgia, vengono sagomati da macchine (magli, fucinatrici) o a mano (martello su incudine). 

leggi

ammaccare

v. tr. [io ammacco , tu ammacchi ecc.] produrre una deformazione sulla superficie di un corpo, colpendolo o premendolo | ammaccarsi v. rifl. ricevere un'ammaccatura, prendere una botta. 

leggi

anamorfosi

s.f.  (1) nelle arti figurative, rappresentazione di una scena in deformazione prospettica, in modo che la sua visione corretta possa avvenire solo da un punto di osservazione diverso da quello frontale (2) (cine.) deformazione di un'immagine realizzata con uno speciale sistema ottico, per ottenere effetti speciali (3) (zool.) sviluppo senza metamorfosi caratteristico di alcuni artropodi. 

leggi

deformabile

agg. che si può deformare. 

leggi

deformabilità

s.f. l'essere deformabile. 

leggi

deformare

v. tr. [io defórmo ecc.] (1) alterare la forma di qualcosa: l'umidità deforma il legno  (2) (fig.) alterare, travisare, distorcere: deformare la verità , il significato di una parola  (3) deturpare, imbruttire: una cicatrice gli deformava il volto | deformarsi v. rifl. perdere la propria forma: le scarpe si deformano con l'uso.  

leggi

deforme

agg. che si allontana dalla forma naturale o normale e perciò risulta brutto, sgradevole a vedersi: una mano deforme § deformemente avv.  

leggi

Sitemap