defunto

agg. (lett.)

1.  morto, deceduto

2.  (fig.) scomparso, perduto, finito per sempre: fa ragion che sia / la vista in te smarrita e non defunta (dante par. xxvi, 8-9) s.m. (lett.) [f. -a] persona morta, deceduta: la commemorazione dei defunti , ricorrenza religiosa che nel cattolicesimo si celebra il

3.  novembre.

fu

agg. (burocr.) morto, defunto (davanti a nomi propri di persona): il fu paolo b. ; mario c. fu giuseppe , figlio del defunto giuseppe. 

leggi

cinerario

agg. che serve a contenere cenere | urna cineraria , che contiene le ceneri di un defunto s.m.  (1) (archeol.) vaso in cui sono conservate le ceneri di un defunto (2) (non com.) ceneratoio. 

leggi

catabasi

s.f.  (1) nella religione greca antica, la discesa dell'anima del defunto nell'ade (2) (lett.) ritirata. 

leggi

funebre

agg.  (1) che si riferisce a un defunto o a un funerale: corteo , rito funebre | (impresa di) pompe , onoranze funebri , organizzazione che si occupa di traslazioni e sepolture di defunti | monumento , elogio , discorso funebre , per celebrare o ricordare un defunto | marcia funebre , componimento musicale in onore di un defunto che accompagna una cerimonia funebre | lamento funebre , usanza antica e popolare di piangere ritualmente al...

leggi

ab intestato

loc. agg. invar. e avv. (dir.) si dice per indicare una successione legittima, quando il defunto non abbia lasciato testamento. 

leggi

epicedio

s.m. nell'antica lirica corale greca, canto funebre eseguito, a differenza del treno , in presenza del defunto | (estens.) componimento poetico in morte di una persona. 

leggi

Sitemap