delinquente

part. pres. di delinquere agg. (rar.) nel sign. del verbo | (ant.) colpevole, che si è macchiato di un delitto s.m. e f.

1.  (dir.) chi delinque; autore di delitti: delinquente abituale , comune

2.  (estens.) chi compie azioni riprovevoli; persona malvagia: un delinquente nato ; faccia da delinquente.

barabba

s.m. invar. (non com.) ragazzo discolo; giovinastro | furfante, delinquente (per lo più scherz.). 

leggi

teppista

s.m. e f. [pl. m. -sti] chi appartiene alla teppa; malvivente; in partic., giovane delinquente che compie violenze e atti di vandalismo. 

leggi

tendenziale

agg. che ha, manifesta una determinata tendenza o inclinazione: orientamento tendenziale ; un delinquente tendenziale § tendenzialmente avv. in modo tendenziale; per tendenza: un'indole tendenzialmente pacifica.  

leggi

abituale

agg.  (1) che si fa per abitudine; consueto, solito: contegno abituale ; mi rispose con l'abituale gentilezza  (2) che è tale per abitudine: cliente abituale | delinquente abituale , (dir.) chi, per la sua reiterata attività criminosa, si dimostra incline al delitto; reato abituale , quello commesso dal delinquente abituale (3) (filos.) intrinseco, che inerisce in maniera permanente | grazia abituale , (teol.) dono soprannaturale che rende l'uomo...

leggi

delinquere

v. intr. [usato solo nell'inf.; ant. e rar. le altre forme: io delìnquo ecc. ; part. pass. delinquito ; aus. avere] (dir.) commettere uno o più delitti: istigazione a delinquere | associazione per delinquere , reato consistente nell'associazione di tre o più persone allo scopo di commettere delitti. 

leggi

Sitemap