denominazione

s.f.

1.  il denominare, l'essere denominato; il nome dato: la denominazione scientifica del girasole è «helianthus annuus» | denominazione d'origine , marchio garantito dalla legge di cui possono fregiarsi prodotti alimentari provenienti da ben precise aree geografiche: vino a denominazione d'origine controllata (o vino doc)

2.  complemento di denominazione , (gramm.) quello costituito da un nome proprio che specifica un nome comune (p. e. la città di bologna).

archiginnasio

s.m. antica denominazione delle università di roma e bologna. 

leggi

ametropia

s.f. (med.) denominazione comune dei difetti di rifrazione dell'occhio, cioè miopia, ipermetropia e astigmatismo. 

leggi

alabbasso

s.m. (mar.) denominazione generica di cavi che servono ad abbassare le vele o a calare bandiere, segnali ecc. 

leggi

adrone

o hadrone, s.m. (fis.) denominazione generica delle particelle elementari (barioni e mesoni) soggette a interazione forte. 

leggi

anamnio

s.m. (zool.) denominazione generica di ognuno dei vertebrati inferiori (ciclostomi, pesci e anfibi) che non presentano l'amnio durante la vita embrionale. 

leggi

alcionio

agg. (lett.) dell'alcione | giorni alcionii , antica denominazione dei giorni del solstizio d'inverno, caratterizzati dalla bonaccia, in cui gli alcioni nidificano e covano. 

leggi

amniote

(zool.) denominazione generica di ognuno dei vertebrati superiori (mammiferi, rettili e uccelli) che sono provvisti di amnio durante la vita embrionale. 

leggi

alta fedeltà

loc. sost. f. invar. denominazione delle speciali apparecchiature che consentono la registrazione e la riproduzione del suono riducendo al minimo le distorsioni; anche, il settore merceologico che distribuisce tali apparecchiature. 

leggi

acetale

s.m. (chim.) denominazione comune di una classe di composti organici eterei risultanti dall'addizione di alcoli ad aldeidi o a chetoni, usati in profumeria e per la produzione di materie plastiche. 

leggi

amarella

s.f.  (1) pianta erbacea con foglie biancastre e fiori gialli riuniti in capolini (fam. composite) (2) denominazione generica di molte piante dal sapore amaro (p. e. camomilla, artemisia). 

leggi

denominale

agg. e s.m. (ling.) si dice di verbo, oppure anche di sostantivo o aggettivo derivato da un nome (p. e. cucinare da cucina , salsiera da salsa , cartaceo da carta). 

leggi

denominare

ant. dinominare, v. tr. [io denòmino ecc.] dare, imporre un nome; chiamare: una contrada denominata bellosguardo | denominarsi v. rifl. chiamarsi, avere per nome; prendere nome: alessandria si denominò così dal papa alessandro iii.  

leggi

denominativo

agg. che denomina, che serve a denominare; denominale. 

leggi

denominatore

s.m.  (1) [f. -trice] (non com.) chi denomina (2) (mat.) in una frazione, il numero che figura sotto il segno di frazione e che indica in quante parti è divisa l'unità | denominatore comune , multiplo comune dei denominatori di due o più frazioni; (fig.) caratteristica comune a più cose fra loro differenti. 

leggi

Sitemap