denotare

rar. dinotare, v. tr. [io denòto ecc.]

1.  manifestare, indicare, rivelare: un comportamento che denota insicurezza

2.  (filos. , ling.) designare sul piano della denotazione.

transfinito

agg. (mat.) termine introdotto dal matematico tedesco g. cantor (1845-1918) per denotare il numero cardinale che spetta a insiemi infiniti. 

leggi

denotativo

agg.  (1) che serve a denotare (2) (filos. , ling.) relativo alla denotazione. 

leggi

denotazione

s.f.  (1) il denotare, l'essere denotato (2) in logica e in linguistica, la relazione intercorrente tra un segno e l'oggetto da questo designato in termini puramente referenziali | l'oggetto o l'insieme di oggetti designati da un segno. 

leggi

Sitemap