entropia

s.f.

1.  (fis.) grandezza termodinamica che caratterizza la tendenza dei sistemi chiusi e isolati a evolvere verso lo stato di massimo equilibrio, cioè che esprime l'irreversibilità dei fenomeni naturali in quanto indice della degradazione dell'energia (al crescere dell'entropia, diminuisce l'energia utilizzabile) | entropia dell'universo , nell'ipotesi dell'universo finito, indice della graduale degradazione di materia ed energia fino alla morte termica dell'universo stesso | (econ.) indice che sottolinea l'irreversibilità dei processi economici, con conseguente esaurimento delle risorse naturali, contrapposta a una loro ipotetica circolarità

2.  (fig.) misura dell'uniformità inerte, dell'assenza di forma, di gerarchia e di differenziazione; misura del livello di disordine, fino al caos | con riferimento a organizzazioni sociali o culturali, misura della tendenza, non appariscente ma costante e irreversibile, al livellamento, alla stasi; perdita di slancio, degradazione

3.  nella teoria dell'informazione, grandezza fisica che caratterizza la quantità d'informazione (più alta è l'entropia, minore è l'informazione).

entropico

agg. [pl. m. -ci] di entropia, relativo a entropia: diagramma entropico.  

leggi

entropion

o entropio , s.m. invar. (med.) rovesciamento verso l'interno del bordo libero della palpebra. 

leggi

Sitemap