epigrammista

s.m. e f. [pl. m. -sti] autore di epigrammi.

epigramma

s.m. [pl. -mi] in origine, nel mondo classico, iscrizione celebrativa o funeraria; nella letteratura ellenistico-romana, breve e raffinato componimento poetico, di vario argomento; in età imperiale, carme di tono mordace e satirico (fu ripreso, spec. in forma di motto tagliente, nelle letterature moderne): gli epigrammi di simonide di ceo , di catullo , di marziale ; un epigramma di alfieri , di voltaire ' (estens.) breve scritto di carattere arguto, pungente. 

leggi

epigrammatica

s.f. il genere epigrammatico; l'insieme degli epigrammi di una letteratura: l'epigrammatica latina.  

leggi

epigrammatico

agg. [pl. m. -ci] (1) di epigramma, di epigrammi: stile , poeta epigrammatico  (2) (estens.) arguto, mordace; breve ed efficace: una risposta epigrammatica § epigrammaticamente avv. in stile, con tono epigrammatico. 

leggi

epigrammatista

s.m. e f. [pl. m. -sti] (ant. , lett.) epigrammista. 

leggi

Sitemap