farfalla

s.f.

1.  insetto con quattro ali membranose variamente colorate, apparato boccale succhiatore a proboscide, corpo distinto in capo, torace e addome (ord. lepidotteri): farfalla diurna , notturna , attiva di giorno o di notte; andare a caccia di farfalle , correr dietro alle farfalle , (fig.) perder tempo in cose futili | (cravatta a) farfalla , cravatta da uomo annodata a fiocco | nuoto a farfalla , (sport) stile di nuoto che oggi coincide con il delfino (un tempo si praticava con colpo di gambe a rana) | valvola a farfalla , valvola girevole intorno a un asse centrale che regola il passaggio di un fluido in un condotto (p. e. nel carburatore, nei tubi delle stufe). dim. farfallina , farfallino (m.) accr. farfallone (m.) vezz. farfalletta

2.  (estens.) persona di carattere volubile e leggero

3.  (scherz.) cambiale, citazione e, in generale, foglio, biglietto che giunga sgradito; nel linguaggio carcerario, biglietto clandestino

4.  spec. pl. tipo di pasta alimentare a forma di farfalle che, a seconda delle dimensioni, si cucina in brodo o asciutta.

acheronzia

s.f. farfalla notturna più nota come atropo o pop. testa di morto.  

leggi

atropo

s.m. (zool.) grossa farfalla notturna gialla e nerastra, detta anche testa di morto (ord. lepidotteri). 

leggi

apatura

s.f. (zool.) farfalla comune nell'europa centrale, le cui larve crescono su salici e pioppi (ord. lepidotteri). 

leggi

antiopa

s.f. farfalla diurna con ali vistose di color castano bordate di giallo, diffusa in italia (ord. lepidotteri). 

leggi

atalanta

s.f. farfalla diurna del genere vanessa, dalle grandi ali di color marrone con macchie rosse e bianche (ord. lepidotteri). 

leggi

apollo

s.m. farfalla diurna alpina dalle grandi ali bianche, con macchie nere sul primo paio e rosse sul secondo (ord. lepidotteri). 

leggi

cosso

s.m. grossa farfalla con corpo tozzo e ali grigie, la cui larva, detta perdilegno o rodilegno , scava lunghe gallerie nel tronco degli alberi, spec. olmi e pioppi. 

leggi

cleopatra

s.f. farfalla diurna molto comune in italia; la femmina ha ali di colore bianco giallastro, il maschio di colore giallo chiaro con due grandi macchie arancione sul primo paio (fam. pieridi). 

leggi

bombice

s.m. nome generico delle farfalle notturne le cui larve si rinchiudono in un bozzolo serico | bombice del gelso , farfalla la cui larva è il baco da seta. 

leggi

bozzolo

s.m.  (1) involucro di seta, costruito dalle larve di varie farfalle, e spec. dal baco da seta, come ricovero protettivo durante la metamorfosi, e da alcuni insetti per la protezione delle uova: bozzolo fresco , con crisalide viva; bozzolo secco , con crisalide morta; bozzolo doppione , con due crisalidi; bozzolo sfarfallato , da cui è uscita la farfalla | uscire dal bozzolo , diventare farfalla; (fig.) emanciparsi | chiudersi nel proprio bozzolo , (fig.) condurre una vita...

leggi

caia

s.f. farfalla comune dal tozzo corpo rossastro, con le ali anteriori bianche a chiazze marroni e le posteriori giallo-rossastre a macchie nere (ord. lepidotteri). 

leggi

farfalleggiare

v. intr. [io farfalléggio , tu farfalléggi ecc. ; aus. avere] (non com.) (1) svolazzare come una farfalla (2) (fig.) comportarsi in modo superficiale e incostante; vagabondare spensieratamente: si vedono donne decrepite... farfalleggiare per venezia (palazzeschi). 

leggi

farfallino

s.m.  (1) dim. di farfalla  (2) cravatta a farfalla. 

leggi

farfallista

s.m. e f. [pl. m. -sti] atleta specialista nel nuoto a farfalla. 

leggi

farfallone

s.m.  (1) accr. di farfalla  (2) [f. -a] persona leggera e incostante in amore (3) (fig.) strafalcione, errore grossolano. 

leggi

Sitemap