farsa

s.f.

1.  componimento teatrale di carattere popolare, basato su una comicità buffonesca, con azioni veloci, ricche di intrighi, equivoci, colpi di scena; per lo più di breve durata, veniva spesso rappresentata, dal medioevo al settecento, come intermezzo o come pezzo finale di spettacoli seri | farse cavaiole , quelle che mettevano alla berlina gli abitanti di cava dei tirreni (secc. xv-xvii). dim. farsetta pegg. farsaccia

2.  (fig.) avvenimento da non prendere sul serio, situazione insensata e ridicola; buffonata, pagliacciata: la cerimonia si ridusse a una farsa | come agg. invar. indica una messinscena, un fatto che ha valore solo apparente: cerimonia farsa ; processo farsa , in cui le decisioni sono scontate già prima del dibattito.

farsalico

agg. [pl. m. -ci] di farsalo, località della grecia presso cui cesare sconfisse pompeo (48 a. c.): guerra farsalica.  

leggi

farsesco

agg. [pl. m. -schi] (1) di, da farsa (2) (estens.) ridicolo, grottesco, indecoroso: scena farsesca ; un dibattito farsesco § farsescamente avv.  

leggi

farsettaio

s.m. chi confezionava farsetti. 

leggi

farsetto

s.m.  (1) giubbotto, con o senza maniche, che si portava un tempo sopra la camicia; era indumento popolare e sopravvive oggi nei costumi regionali (2) nell'abbigliamento dei militari, camiciola indossata sotto la giubba dell'uniforme; anche, il corpetto dei marinai (3) piccola stecca pieghevole di legno, intorno alla quale è avvolta la pelle del tamburo. dim. farsettino accr. farsettone pegg. farsettaccio.  

leggi

Sitemap