fase

s.f.

1.  (astr.) ciascuno degli aspetti particolari in cui un astro, a causa dei suoi movimenti, si manifesta agli abitanti della terra: le fasi di mercurio , di venere ; le fasi della luna , novilunio, primo quarto, plenilunio, ultimo quarto

2.  periodo o stato di qualcosa, che si presenta mutato rispetto a un periodo o stato precedente; momento caratteristico di un fenomeno o di un procedimento tecnico: fase di sviluppo economico ; le fasi di un'eruzione vulcanica | mettere in fase , mettere a punto, regolare (un motore, un dispositivo ecc) | essere fuori fase , (fig. fam.) trovarsi in uno stato di stanchezza fisica o mentale

3.  (psicoan.) ciascuno dei diversi stadi di sviluppo della libido: fase orale , anale , genitale

4.  (fis.) termine che indica genericamente lo stadio di sviluppo di un fenomeno periodico | (elettr.) ciascuna delle correnti prodotte da un generatore polifase, sfasata rispetto alle altre di un determinato angolo, detto appunto angolo di fase ; differenza di fase , misura dello sfasamento esistente fra la corrente e la tensione in un circuito elettrico

5.  (chim. fis.) in un sistema, ogni porzione omogenea di materia che sia distinguibile e separabile dalle altre porzioni.

fasatura

s.f. (mecc.) operazione di messa a punto di un motore alternativo a combustione interna, in modo che le fasi del ciclo si verifichino nel momento più opportuno per il miglior rendimento. 

leggi

fascera

s.f. fascia di legno o di metallo, di forma per lo più circolare o quadrangolare, in cui si colloca la cagliata perché espella il siero e assuma la forma propria del tipo di formaggio desiderato. 

leggi

fascetta

s.f.  (1) dim. di fascia  (2) striscia di materiale vario, per lo più chiusa ad anello, usata per tenere insieme, avvolgere, comprimere, o per recare scritte o altre indicazioni | striscia di carta che avvolge fascicoli, giornali e sim. per la spedizione; striscia di carta, posta attorno a un libro, che reca frasi pubblicitarie | (mil.) tubolare di stoffa chiuso ad anello che reca l'indicazione del grado e va fissato alla spallina della camicia d'ordinanza o della tuta mimetica |...

leggi

fascettario

s.m. insieme di indirizzi (stampigliati o incollati su fascette) di persone a cui vengono spedite periodicamente pubblicazioni o altre merci. 

leggi

fascia

s.f. [pl. -sce] (1) striscia di vario materiale che si avvolge intorno a qualcosa per tenere insieme, proteggere, comprimere, sostenere, o anche per ornamento. dim. fascetta , fasciola , fasciolina accr. fascione (m.) (2) striscia di tela o di garza usata per coprire parti del corpo malate o ferite; striscia di tessuto semirigido o elastico usata per stringere e sostenere: fascia gessata , imbevuta di un impasto di materiale plastico in polvere (un tempo polvere di gesso) e acqua,...

leggi

fasciacoda

s.m. invar. striscia di tela o di cuoio che tiene ferma la coda del cavallo quando viene governato. 

leggi

fasciame

s.m. (mar.) insieme di tavole di legno o lamiere di metallo che, collegate tra loro e rese impermeabili per calafataggio o saldatura, costituiscono il rivestimento delle strutture di sostegno di natanti. 

leggi

fasciare

v. tr. [io fàscio ecc.] (1) avvolgere o coprire con una o più fasce; bendare: fasciare un neonato ; fasciare una ferita ; fasciarsi il capo prima di romperselo , (fig.) preoccuparsi per un male che non si sa se verrà | fasciare uno scafo , (mar.) coprirne l'ossatura con il fasciame (2) (estens.) avvolgere strettamente: l'abito le fasciava i fianchi  (3) (estens.) circondare, attorniare; avvolgere: beata navarra, / se s'armasse del monte che la fascia! (dante par. xix, 143-144)...

leggi

fasciato

(1) part. pass. di fasciare agg. avvolto con una o più fasce s.m. (arald.) scudo coperto da fasce alternate di smalto differente (in numero di 4, (2) o 8). 

leggi

fasciatoio

s.m. tavolo o ripiano sul quale si posano i bambini nei primi mesi di vita per spogliarli, pulirli, fasciarli. 

leggi

Sitemap