fattivo

agg.

1.  atto a fare, capace di fare, concretamente attivo: un intervento fattivo | operoso, laborioso, efficiente: una fattiva collaborazione

2.  (ling.) causativo § fattivamente avv.

fatta

s.f.  (1) specie, genere: gente di questa , di quella fatta ; ce n'era di ogni fatta  (2) male fatta , malefatta. 

leggi

fatta

s.f. (tosc.) escremento della selvaggina, che serve da traccia per il cacciatore | esser sulla fatta , (fig.) esser sulla traccia. 

leggi

fattaccio

s.m.  (1) pegg. di fatto (2) 2 crimine, delitto: il fattaccio avvenne di notte.  

leggi

fattamente

avv. (ant. , lett.) solo nelle loc. sì fattamente e così fattamente , in tal modo. 

leggi

fatterello

o fattarello , s.m.  (1) dim. di fatto (2) 2 avvenimento di scarsa importanza: un fatterello curioso.  

leggi

fattezze

s.f. pl.  (1) i lineamenti del viso, il sembiante: avere fattezze delicate , fini , grossolane  (2) (non com.) corporatura, forma del corpo: essere di fattezze leggiadre  (3) (ant.) forma. 

leggi

fattibile

agg. che si può fare; realizzabile, possibile s.m. ciò che si può fare: fare tutto il fattibile § fattibilmente avv. (non com.). 

leggi

fattibilità

s.f. l'essere fattibile; realizzabilità: la fattibilità di un progetto.  

leggi

fatticcio

agg. [pl. f. -ce] (lett.) robusto, atticciato, tarchiato: spose fatticce, in carne come vitelle di latte (viani). 

leggi

fattispecie

s.f.  (1) (dir.) situazione tipica definita in modo astratto e generale nella legge, e alla quale vengono collegate particolari conseguenze concrete: fattispecie penale  (2) nella fattispecie , caso concreto, fatto particolare di cui si parla: nella fattispecie, le misure di sicurezza non furono osservate.  

leggi

Sitemap