fattore

(1)

s.m. chi cura per conto del proprietario l'attività di un'azienda agricola.

fattore (2)

s.m.

1.  (lett.) che fa, creatore | il (sommo , supremo , divino) fattore , dio: 'l suo fattore / non disdegnò di farsi sua fattura (dante par. xxxiii, 5-6)

2.  (estens.) causa o elemento che determina o concorre a produrre un effetto: i fattori della civiltà , del progresso ; i fattori climatici ; il fattore emotivo | fattori di produzione , (econ.) gli elementi che concorrono alla produzione; in partic., nella teoria neoclassica, il capitale e il lavoro | fattore ereditario , (biol.) gene | fattori limitanti , (biol.) quelli di ordine chimico o fisico, che con la loro maggiore o minore presenza condizionano lo sviluppo di un organismo | fattore di contrasto , (foto.) il rapporto tra l'intensità della luce e la reazione della superficie sensibile | fattore campo , (sport) il vantaggio che deriva a un atleta o a una squadra dal fatto di giocare in casa

3.  (mat.) ogni termine di un prodotto: invertendo l'ordine dei fattori il prodotto non cambia | scomposizione in fattori primi , procedimento in base al quale è possibile ottenere da un numero l'insieme dei numeri il cui prodotto è il numero stesso; procedimento per ricondurre un polinomio alla forma di prodotto di monomi

4.  (fis.) rapporto fra i valori di due grandezze omogenee; coefficiente: fattore di assorbimento ; fattore di carico.

fattoressa

pop. fattora [fat-tó-ra], s.f.  (1) donna che cura per conto del proprietario l'attività di un'azienda agricola (2) moglie del fattore. 

leggi

istamina

meno com. istammina, s.f. (chim. biol.) amminoacido derivato dalla decarbossilazione dell'istidina, importante in patologia perché la sua liberazione nei tessuti è il fattore principale delle manifestazioni allergiche. 

leggi

human relations

loc. sost. m. pl. nell'organizzazione aziendale, teoria e tecnica che, rivalutando l'elemento umano come fattore produttivo, si occupa della buona qualità dei rapporti interpersonali all'interno dell'azienda. 

leggi

fortuito

agg. che avviene per caso, casuale: fatto , incontro fortuito | caso fortuito , (dir.) fattore imprevedibile che esclude la punibilità di chi ha commesso un reato § fortuitamente avv.  

leggi

fattoria

s.f.  (1) azienda agricola costituita da un gruppo di poderi e annessi fabbricati rurali, amministrata da un fattore; in partic., il fabbricato in cui abita e lavora il fattore (2) (non com.) amministrazione di più poderi; ufficio del fattore. 

leggi

fattoriale

(1) agg. (scient.) che riguarda un fattore o i fattori concorrenti alla produzione di un determinato effetto | analisi fattoriale , (psicol.) metodo di misurazione dell'intelligenza, ideato dall'ingl. ch. spearman (1863-1945), che descrive le prestazioni intellettive tenendo conto di due fattori, uno generale e l'altro specifico di ogni singola prestazione s.m. (mat.) termine che per un numero intero positivo n indica il prodotto dei numeri interi da (2) a n.  

leggi

fattorino

s.m.  (1) impiegato subalterno che in un'azienda, un ufficio e sim. è addetto alle mansioni più varie (ritiro e recapito della corrispondenza, commissioni, consegne ecc.); commesso: fattorino di banca | fattorino del telegrafo , chi recapita i telegrammi a domicilio (2) sui mezzi di trasporto pubblici, l'addetto alla distribuzione dei biglietti: il fattorino del tram.  

leggi

fattorizzare

v. tr. (mat.) scomporre in fattori. 

leggi

Sitemap