fava

s.f.

1.  pianta erbacea con foglie paripennate, fiori bianchi macchiati di nero e legume a baccello contenente semi commestibili, di color verde e della forma di un grosso fagiolo appiattito (fam. leguminose) | (estens.) il seme commestibile della pianta: prendere due piccioni con una fava , (fig.) raggiungere due obiettivi in un colpo solo

2.  (ant.) voto in un'assemblea che si esprimeva deponendo in un vaso fave bianche o nere

3.  (volg.) glande; per estens., pene.

favagello

s.m. pianta erbacea con radici tuberose, foglie cuoriformi e fiori gialli (fam. ranuncolacee). 

leggi

favaggine

s.f. pianta erbacea con foglie composte di due foglioline carnose e fiori ascellari; ha azione vermifuga (fam. zigofillacee). 

leggi

favaio

s.m. terreno coltivato a fave. 

leggi

favata

s.f. zuppa di fave. 

leggi

favela

s.f. [pl. favelas] agglomerato di baracche nelle metropoli brasiliane. 

leggi

favella

s.f.  (1) la facoltà di parlare: perdere , riacquistare la favella  (2) (lett.) linguaggio, lingua, parlata: la favella toscana.  

leggi

favellare

v. intr. [io favèllo ecc. ; aus. avere] (lett.) parlare. 

leggi

favellatore

s.m. [f. -trice] (ant.) parlatore. 

leggi

favellio

s.m. (lett.) chiacchierio. 

leggi

Sitemap