femmina

ant. o poet. femina, s.f.

1.  nome generico di ogni individuo umano o animale portatore di gameti femminili atti a essere fecondati da quelli maschili, e quindi caratterizzato dalla capacità di partorire figli o deporre uova: la femmina della tigre ; le femmine sono in genere meno aggressive dei maschi

2.  essere umano di sesso femminile; donna, bambina: hanno già un figlio maschio, vorrebbero una femmina | con sfumatura spreg.: femina è cosa mobil per natura (petrarca canz. clxxxiii, 12) | mala femmina , (merid.) prostituta. dim. femminella , femminetta vezz. femminuccia

3.  parte di un congegno destinata a riceverne un'altra nel suo interno: la femmina dell'incastro | in funzione di agg.

4.  ricca, dotata di femminilità desiderabile, attraente: è molto femmina | detto di animale, che è di sesso femminile: un castoro femmina

5.  che rappresenta la parte ricevente di un incastro: vite femmina.

capriola

s.f. la femmina del capriolo. 

leggi

camozza

s.f. (sett.) la femmina del camoscio. 

leggi

capinera

s.f. uccellino dal canto melodioso, con becco sottile, capo nerissimo nel maschio e rosso-bruno nella femmina (ord. passeriformi). 

leggi

cavalla

s.f.  (1) femmina del cavallo; giumenta. dim. cavallina accr. cavallona pegg. cavallaccia  (2) (mar.) vela bassa di strallo, tra l'albero di maestra e quello di trinchetto; è detta anche carbonera.  

leggi

cleopatra

s.f. farfalla diurna molto comune in italia; la femmina ha ali di colore bianco giallastro, il maschio di colore giallo chiaro con due grandi macchie arancione sul primo paio (fam. pieridi). 

leggi

begare

v. intr. [io bègo , tu bèghi ecc. ; o io bégo , tu béghi ecc. ; aus. avere] (region.) far beghe; questionare, litigare: il vecchio / che bestemmia, la femmina che bega (saba). 

leggi

capitone

s.m.  (1) anguilla femmina di grosse dimensioni, pregiata per le sue carni; è cibo tradizionale delle feste di natale (2) (ant.) filo di seta grosso e ineguale (3) (region.) alare del focolare. 

leggi

ape

s.f. insetto imenottero che ha corpo nero dorato, antenne corte, addome con aculeo velenifero nella femmina; vive in società polimorfe e si alleva da età remota per il miele e per la cera che produce: ape regina , l'unica femmina feconda dell'alveare; ape operaia , femmina sterile che provvede alle necessità della regina e delle larve; ape maschio , detta più com. fuco , ha la sola funzione di fecondare la regina, dopo di che muore o viene scacciata. 

leggi

bufala

s.f.  (1) femmina del bufalo (2) (fig. scherz.) errore madornale; panzana, corbelleria | notizia giornalistica totalmente infondata (3) (fig. scherz.) cosa noiosa, pesante, detto spec. di film. 

leggi

femminella

s.f.  (1) dim. di femmina  (2) uomo debole, pauroso | (merid.) ragazzo, uomo effeminato (3) anello, occhiello in cui passa un filo, un laccio, una cinghia e sim. (4) (mar.) ciascuno dei pezzi di metallo applicati alla poppa di un'imbarcazione, dotati di un foro che serve da alloggio per gli agugliotti del timone (5) (bot.) germoglio secondario della vite. 

leggi

femmineo

ant. o poet. femineo, agg. (lett.) (1) di, da donna; femminile: l'agil fianco femineo (foscolo a luigia pallavicini caduta da cavallo) (2) effeminato: un giovane biondo e femmineo § femmineamente avv.  

leggi

femminesco

agg. [pl. m. -schi] (non com. spreg.) da femmina, femminile § femminescamente avv.  

leggi

femminile

ant. o poet. feminile, agg.  (1) di, da femmina: sesso femminile | genere femminile , una delle classi del genere grammaticale; in un sistema a due classi si oppone a maschile , in un sistema a tre classi a maschile e neutro  (2) di donna, di donne: scuola femminile ; squadra di calcio femminile | adatto, destinato a donne: abbigliamento , stampa femminile | tipico della donna: atteggiamento , grazia femminile | tradizionalmente riservato alla donna: lavori femminili  (3) che...

leggi

femminilismo

s.m. (biol.) presenza, in individui di sesso maschile, di caratteri secondari propri del sesso femminile. 

leggi

femminilità

s.f. l'insieme delle qualità fisiche e psichiche che sono proprie della donna: una donna dotata di grande femminilità ; una pettinatura che esalta la femminilità.  

leggi

femminilizzazione

s.f.  (1) (med.) sviluppo nel maschio di caratteri sessuali femminili (2) progressivo incremento della presenza femminile in un ambito dominato tradizionalmente dagli uomini: la femminilizzazione di molte professioni.  

leggi

femminino

o feminino, agg. (lett.) caratteristico della donna, femminile (talora in senso spreg.): astuzia femminina ; tre furie infernal di sangue tinte, / che membra feminine avieno e atto (dante inf. ix, 38-39) s.m. femminilità: l'eterno femminino , (lett.) l'essenza delle qualità e attrattive femminili, ciò che di esse resta durevole al di là delle epoche e delle mode § femmininamente avv.  

leggi

femminismo

s.m. movimento sorto nell'ottocento per rivendicare alle donne la parità giuridica, politica e sociale con gli uomini | dagli anni sessanta, movimento che mira a elaborare e proporre valori culturali autenticamente femminili, in alternativa a quelli maschili e ai ruoli tradizionalmente attribuiti dall'uomo alla donna. 

leggi

femminista

s.m. e f. [pl. m. -sti] chi aderisce o è favorevole al femminismo | si usa anche come agg. : movimento femminista.  

leggi

Sitemap