fiaccamento

s.m. (non com.) fiacchezza, logorio delle forze.

fiacca

s.f.  (1) spossatezza, stanchezza, svogliatezza; lentezza negli atti o nelle parole: avere la fiacca | battere la fiacca , fare le cose svogliatamente e lentamente. dim. fiacchetta  (2) (ant.) strepito, baccano (3) (tosc.) abbondanza. 

leggi

fiaccabile

agg. (non com.) che si può fiaccare. 

leggi

fiaccare

v. tr. [io fiacco , tu fiacchi ecc.] (1) privare delle forze fisiche o morali; debilitare, spossare: la malattia lo ha fiaccato ; fiaccare la resistenza di qualcuno  (2) spezzare qualcosa piegandola o sforzandola: fiaccare un ramo | fiaccare le ossa , le costole a qualcuno , bastonarlo | v. intr. [aus. essere] (ant.), fiaccarsi v. rifl.  (3) perdere forza, vigore; diventare fiacco (4) rompersi, spezzarsi: quali dal vento le gonfiate vele / caggiono avvolte, poi che l'alber...

leggi

fiaccatura

s.f. (non com.) il fiaccare; debolezza, spossatezza. 

leggi

fiaccheraio

s.m. (tosc.) conducente di una vettura pubblica a cavalli; vetturino. 

leggi

fiacchere

s.m. (tosc.) vettura di piazza a cavalli. 

leggi

fiacchezza

s.f. l'essere fiacco; mancanza di energia, di vigore: fiacchezza di gambe , d'animo , di stile.  

leggi

fiacco

agg. [pl. m. -chi] privo di energia, di vigore; debole: sentirsi fiacco ; opporre una fiacca resistenza | mercato fiacco , di scarsa attività § fiaccamente avv.  

leggi

fiacco

s.m. [pl. -chi] (ant.) rovina, strage. 

leggi

fiaccola

s.f.  (1) lume fatto con sostanze resinose o altro materiale infiammabile, che brucia lentamente resistendo al vento; in origine era un ramo resinoso | la fiaccola olimpica , quella che nelle moderne olimpiadi è portata, con un sistema di staffetta, da atene al luogo in cui si tengono i giochi (2) (fig. lett.) ciò che illumina, incita, eccita: la fiaccola della civiltà , della fede , della discordia.  

leggi

Sitemap