figura

s.f.

1.  l'aspetto esteriore di una cosa; sagoma, forma: figura tonda , quadrata ; una figura inconsueta | in partic., l'aspetto del corpo umano: una figura snella , tozza ; avere una bella figura ' (estens.) la persona stessa in quanto riassume in sé un insieme di qualità caratteristiche: una figura interessante , simpatica ; una figura di primo piano , persona importante; una mezza figura , persona mediocre, priva di personalità

2.  immagine disegnata, dipinta o scolpita; illustrazione: una figura di terracotta ; un libro ricco di figure. dim. figurina

3.  animale o cosa assurti a simbolo: la colomba è figura della pace | nella concezione medievale, realtà terrena che è interpretata simbolicamente come prefigurazione di un'entità o di un valore ultraterreno: nell'interpretazione medievale della bibbia, isacco è figura di cristo ; il catone dantesco è figura della libertà del cristiano

4.  il modo in cui qualcuno o qualcosa si mostra, appare; parvenza, apparenza: è lì per figura , a solo scopo decorativo; far figura , di persona o cosa che si presenta bene, che è appariscente; non fare figura , restare inosservato | far buona , bella figura , comportarsi, apparire in modo da riscuotere il consenso, l'ammirazione altrui; far cattiva , brutta figura , in modo da non riscuoterli | fare la figura di , apparire, sembrare: ha fatto la figura dello sciocco | che figura! , (iron.) a commento di un'impresa riuscita male. accr. figurona , figurone (m.) pegg. figuraccia

5.  figura retorica , ogni parola o costrutto che, allontanandosi dall'uso linguistico normale, serve a rendere più efficace il discorso : la metafora e l'iperbole sono due figure retoriche

6.  (mat.) ente geometrico costituito da un insieme di punti, di linee o di superfici: il quadrato è una figura piana , il cubo una figura solida

7.  (filos.) nella logica tradizionale, la forma che il sillogismo assume a seconda della posizione occupata dal termine medio nelle due premesse

8.  nel gioco delle carte, ogni carta illustrata con l'immagine del re, della regina, del fante o del cavallo | negli scacchi, qualsiasi pezzo superiore al pedone

9.  nella danza, nel pattinaggio artistico, nella scherma e altri sport sim., ogni posizione del corpo attraverso cui si articola la prestazione: figure obbligate , libere.

figurabile

agg. (non com.) che si può esprimere mediante figura | (fig.) che si può immaginare. 

leggi

figuraccia

s.f. [pl. -ce] (1) pegg. di figura  (2) (fig.) cattiva impressione suscitata negli altri con un comportamento sbagliato: fare una figuraccia.  

leggi

figurale

agg.  (1) allegorico, simbolico (con particolare riferimento alla concezione medievale del mondo come prefigurazione dell'aldilà): l'interpretazione figurale della «divina commedia»  (2) (non com.) nella critica d'arte, figurativo § figuralmente avv.  

leggi

figurante

s.m. e f.  (1) (non com.) chi ha una parte non parlata o di scarso rilievo in una rappresentazione teatrale; comparsa (2) (estens.) persona di poca importanza. 

leggi

figurare

v. tr.  (1) (non com.) plasmare, dar forma; rappresentare in figura o con figure: figurare un blocco di marmo ; figurare un crocifisso | (estens.) rappresentare con un simbolo; simboleggiare: la giustizia è figurata con la bilancia in mano ; la colomba figura la pace  (2) (fig.) immaginare, rappresentarsi qualcosa nella mente (quasi sempre accompagnato dalla particella pron.): me lo figuravo più grasso ; puoi figurarti il mio stato d'animo '...

leggi

figurativismo

s.m. tendenza della pittura e della scultura a esprimersi mediante figure in cui è riconoscibile, più o meno direttamente, l'oggetto della rappresentazione. 

leggi

figuratività

s.f. il carattere figurativo dell'arte. 

leggi

figurativo

agg.  (1) che rappresenta con figure, che si esprime per mezzo di figure: alfabeto figurativo ; stile figurativo ; le arti figurative , la pittura e la scultura | si dice di un'opera d'arte o di un artista che si esprime attraverso figure nelle quali è riconoscibile, più o meno direttamente, l'oggetto della rappresentazione: dipinto , pittore figurativo  (2) (non com.) simbolico § figurativamente avv.  

leggi

figurato

part. pass. di figurare agg.  (1) rappresentato con figure: nomenclatura figurata  (2) che ha figure, immagini: un libro figurato  (3) si dice di locuzione, linguaggio e sim. che si esprime mediante figure retoriche: espressione figurata § figuratamente avv. in senso figurato, per mezzo di metafore. 

leggi

figurazione

s.f. (non com.) (1) rappresentazione, descrizione attraverso figure: la figurazione di una scena campestre  (2) la cosa figurata; figura: tappeto con figurazioni animali  (3) nella danza e nella ginnastica, complesso di figure. 

leggi

antipallage

s.f. figura retorica consistente nello scambio di casi o di modi. 

leggi

angoloide

s.m. (geom.) porzione di spazio compresa entro la figura formata da più diedri aventi il vertice in comune. 

leggi

adorante

part. pres. di adorare agg. si dice in partic. di figura rappresentata nell'atto di adorare la divinità: angelo adorante.  

leggi

antanaclasi

s.f. figura retorica che consiste nell'usare nel medesimo periodo la stessa parola ma con significato diverso (p. e. non sempre la rosa è rosa). 

leggi

anatrella

s.f.  (1) dim. di anatra  (2) (arald.) figura di anatra priva di zampe e di becco, posta di profilo ad ali chiuse. 

leggi

antimetabole

s.f. figura retorica per cui si ripetono, con diverso ordine, le parole della proposizione precedente (p. e. si deve mangiare per vivere, non vivere per mangiare). 

leggi

antifrasi

s.f. figura retorica che consiste nell'usare ironicamente un termine o una locuzione, con significato opposto a quello proprio (p. e. è un genio , per dire 'è uno stupido'). 

leggi

Sitemap