filosofia

s.f.

1.  attività intellettuale che mira a elaborare una concezione complessiva e razionalmente fondata della realtà del mondo e dell'uomo: filosofia prima , metafisica; filosofia teoretica , indagine puramente speculativa sul reale; filosofia morale , etica; filosofia dell'arte , estetica; filosofia della scienza , epistemologia; filosofia della storia , del linguaggio , del diritto , della religione , della matematica ' storia della filosofia , studio delle dottrine, dei movimenti o dei problemi filosofici secondo una prospettiva storica

2.  sistema o indirizzo di pensiero: la filosofia di platone , la filosofia idealistica , materialistica

3.  (fig.) serenità d'animo, saggezza, imperturbabilità: sopportare con filosofia le avversità ; prendere , affrontare qualcosa con filosofia

4.  facoltà universitaria in cui si insegnano le discipline filosofiche.

aristotelismo

s.m. (filos.) il complesso delle dottrine filosofiche di aristotele | la tradizione di pensiero ispirata alla filosofia di aristotele. 

leggi

apeiron

s.m. invar. nella filosofia di anassimandro, materia, sostanza originaria, eterna e infinita, dalla quale si generano tutte le cose. 

leggi

cogito

s.m. [solo sing.] nella filosofia cartesiana, l'attività del pensiero, che costituisce il fondamento della certezza soggettiva dell'esistere e il criterio di misura di ogni altra possibile certezza. 

leggi

aristotelico

agg. [pl. m. -ci] del filosofo greco aristotele (384-322 a. c.), conforme al suo pensiero s.m. [f. -a] seguace della filosofia di aristotele § aristotelicamente avv. in modo conforme all'aristotelismo. 

leggi

ante rem

loc. agg. invar. e avv. nella filosofia scolastica, si dice dell'esistenza dei concetti universali nella mente divina, fuori e prima delle cose create; si oppone a in re e post rem.  

leggi

filosofale

agg.  (1) (ant.) filosofico: dignità filosofale ' (iron.) da filosofo: discorso filosofale  (2) pietra filosofale , quella che gli alchimisti ricercavano, attribuendole la virtù di mutare in oro qualsiasi metallo. 

leggi

filosofante

part. pres. di filosofare agg. e s.m. e f. (antiq.) si dice di chi si occupa di filosofia (oggi per lo più iron.). 

leggi

filosofare

v. intr. [io filò sofo ecc. ; aus. avere] (1) (non com.) dedicarsi alla filosofia | fare investigazioni su temi filosofici: filosofare sui fini della storia ; filosofare sul bene e sul male  (2) (per lo più iron.) esprimersi in termini e con atteggiamenti filosofici; filosofeggiare: filosofare sul prima e sul dopo , sul come e sul quando.  

leggi

filosofastro

s.m. [f. -a] (spreg.) chi s'atteggia a filosofo; filosofo da strapazzo. 

leggi

filosofeggiare

v. intr. [io filo soféggio ecc. ; aus. avere] (iron.) atteggiarsi a filosofo; voler fare della filosofia a sproposito. 

leggi

filosofema

s.m. [pl. -mi] (1) nella logica aristotelica, sillogismo dimostrativo | (estens.) concetto, formula filosofica (2) (spreg.) astruseria da filosofo; sofisma. 

leggi

filosoferia

s.f. (non com.) astruseria filosofica. 

leggi

filosofesco

agg. [pl. m. -schi] (iron.) di, da filosofo: linguaggio filosofesco § filosofescamente avv.  

leggi

filosofico

agg. [pl. m. -ci] proprio della filosofia; relativo alla filosofia: ragionamento , sistema filosofico § filosoficamente avv.  (1) in modo filosofico; dal punto di vista filosofico (2) (fig.) con filosofia, con serena disposizione d'animo. 

leggi

filosofismo

s.m. eccesso di disposizione filosofica; abuso di astrazioni filosofiche. 

leggi

Sitemap