finale

agg.

1.  che sta alla fine; ultimo, terminale: parola , battuta , sillaba finale ; decisione , sentenza finale ; prova , esame finale , alla fine di un corso | giudizio finale , (relig.) giudizio universale | beni , consumi finali , (econ.) quelli destinati al soddisfacimento dei bisogni dei consumatori, non già alla produzione di altri beni

2.  che riguarda il fine, lo scopo: causa finale | in grammatica: proposizione finale , quella che indica il fine per cui si compie l'azione espressa dalla reggente; congiunzione finale , quella che introduce una proposizione finale (p. e. affinché , perché , acciocché , ché con il verbo al congiunt.; oppure per , a , di coll'infinito): ripeté la spiegazione perché tutti capissero ; corro per non perdere il treno

3.  (estens.) decisivo, ultimativo: soluzione finale di un problema s.m.

4.  parte terminale di un'opera musicale, teatrale, cinematografica: il finale della tosca | fase conclusiva di una gara, di un gioco: il finale della tappa , del match

5.  (tip.) fregio stampato alla fine di un capitolo. dim. finalino | s.f.

6.  (ling.) suono o sillaba terminale di una parola

7.  (gramm.) proposizione finale

8.  (sport) in una competizione a eliminazione, gara, incontro definitivo, cui sono ammessi i vincitori delle semifinali: disputare la finale ; entrare in finale § finalmente avv.

9.  da ultimo, alla fine: passarono tutti i reparti e finalmente sfilarono gli alpini

10.  in fine (per sottolineare un esito desiderato): finalmente ti sei deciso!.

ciarda

o czarda, s.f. danza popolare ungherese con un'introduzione lenta e un finale dal ritmo frenetico. 

leggi

agnizione

s.f. nella letteratura teatrale e romanzesca, la rivelazione finale della vera identità di uno o più personaggi. 

leggi

ad quem

loc. agg. invar. nel linguaggio storico, giuridico e filologico, indica il termine cronologico finale a cui ci si riferisce; si contrappone a post quem.  

leggi

finalina

s.f. nell'uso giornalistico, la finale di un torneo a squadre nella quale si assegna il terzo e il quarto posto. 

leggi

finalismo

s.m. (filos.) ogni concezione secondo la quale la realtà nel suo insieme e in ogni sua parte tende a un fine; nel pensiero cristiano, concezione fondata sul concetto di provvidenza divina. 

leggi

finalissima

s.f. (sport) gara, incontro definitivo di una competizione a eliminazione; anche, finale che riveste un eccezionale interesse. 

leggi

finalista

s.m. e f. [pl. m. -sti] (1) il concorrente di una gara a eliminatoria che è ammesso a disputare la finale (2) (filos.) sostenitore del finalismo | anche agg. entrato in finale: la squadra finalista | (filos.) finalistico: dottrina , concezione finalista.  

leggi

finalistico

agg. [pl. m. -ci] del finalismo, dei finalisti § finalisticamente avv. in modo finalistico; secondo il finalismo. 

leggi

finalità

s.f.  (1) l'essere ordinato a un fine | principio di finalità , principio filosofico secondo cui ogni azione si compie per un fine (2) fine, scopo, intenzione: le finalità di un'associazione benefica.  

leggi

finalizzare

v. tr. volgere a un determinato fine; indirizzare: finalizzare gli sforzi al raggiungimento dell'obiettivo.  

leggi

finalizzazione

s.f. il finalizzare, l'essere finalizzato. 

leggi

finallora

o fin allora o fino allora, avv. fino a quel momento, fino a quel tempo. 

leggi

Sitemap