illecito

agg. che contravviene alla legge o alla morale dominante: guadagno illecito ; relazione illecita s.m. (dir.) atto che viola una norma giuridica: un illecito civile , penale § illecitamente avv.

malcostume

meno com. mal costume, s.m. modo di comportarsi illecito o contrario alla morale: malcostume dilagante ; il malcostume del nepotismo.  

leggi

malversare

v. tr. [io malvèrso ecc.] usare in modo illecito denaro o beni mobili altrui che si hanno in amministrazione o in custodia. 

leggi

intrallazzo

s.m. scambio illecito di beni o di favori; per estens., intrigo, imbroglio: avere , fare intrallazzi con qualcuno ; intrallazzo politico.  

leggi

falsario

s.m. [f. -a] (1) chi, per trarre un illecito vantaggio, altera documenti, firme, banconote, quadri e sim., o ne fabbrica di falsi (2) (ant. , lett.) ingannatore, mentitore | anche agg. (ant.): persona falsaria.  

leggi

depenalizzare

v. tr. (dir.) togliere a un atto il carattere di reato che aveva in precedenza, facendone eventualmente un illecito passibile di sanzione amministrativa: depenalizzare i reati minori.  

leggi

cessante

part. pres. di cessare agg.  (1) che cessa, che ha termine (2) lucro cessante , (dir.) mancato guadagno conseguente a un illecito altrui (3) (fig. lett.) pigro, indolente: incalza a l'armi i cuor cessanti (carducci). 

leggi

illecebra

s.f. (ant. , lett.) lusinga, allettamento: la nostra ragione non sa resistere... alle illecebre dell'eloquenza e dell'affetto (cattaneo). 

leggi

Sitemap