immane

agg.

1.  (lett.) di smisurata grandezza, enorme: statura immane

2.  orribile, spaventoso, di gravità incommensurabile: immane sciagura.

immanente

agg.  (1) (filos.) si dice di ciò che è insito nel soggetto e trova in esso il proprio principio e il proprio fine; o anche di ciò che non trascende i confini della coscienza o del mondo (2) intrinseco, inerente a qualcosa: principio immanente a una realtà § immanentemente avv.  

leggi

immanentismo

s.m.  (1) (filos.) ogni dottrina che rifiuta l'esistenza di una realtà trascendente, cioè al di là del mondo dell'esperienza e della storia (2) atteggiamento religioso che, pur non negando la trascendenza di dio, ne ritrova l'origine in una esigenza intima dell'uomo. 

leggi

immanentista

s.m. e f. [pl. m. -sti] (filos.) propugnatore, seguace dell'immanentismo. 

leggi

immanentistico

agg. [pl. m. -ci] (filos.) dell'immanentismo, dell'immanenza: concezione immanentistica § immanentisticamente avv.  

leggi

immanenza

s.f. (filos.) il carattere di ciò che è immanente. 

leggi

immanere

v. intr. [coniugato come rimanere , ma usato quasi esclusivamente all'inf. e alla terza pers. sing. e pl. del pres. e dell'imperf. indic.] (non com.) essere immanente. 

leggi

immancabile

agg.  (1) che non manca mai, che non può mancare: il suo immancabile discorso di fine anno  (2) che è certo, che avverrà sicuramente: successo immancabile § immancabilmente avv. certamente, sicuramente: arriverà immancabilmente in ritardo.  

leggi

immangiabile

agg. che non si può mangiare, perché guasto o cattivo: cibo immangiabile.  

leggi

immanità

s.f. (lett.) (1) l'essere immane: l'immanità della tragedia  (2) azione immane, crudele. 

leggi

immantinente

avv. (lett.) subito, senza indugio: obbedire immantinente.  

leggi

Sitemap