impaccio

s.m.

1.  l'essere impacciato: rispondere con un certo impaccio

2.  ciò che impaccia; ostacolo, intralcio: liberarsi da un impaccio ; quell'oggetto è d'impaccio

3.  (estens.) fastidio, situazione imbarazzante: trovarsi in un impaccio

4.  nella moda femminile dell'ottocento, sorta di fascia che cingeva alle caviglie le gonne lunghe impacciando il passo.

impacciare

v. tr. [io impàccio ecc.] (1) impedire l'azione o il movimento: il cappotto lo impacciava nei movimenti (o gli impacciava i movimenti) (2) (fig.) disturbare, imbarazzare: essere impacciato dalla presenza di estranei | impacciarsi v. rifl.  (3) (non com.) intromettersi, impicciarsi (4) diventare impacciato, cadere in imbarazzo. 

leggi

impaccaggio

s.m. l'impaccare, l'essere impaccato. 

leggi

impaccamento

s.m. nell'elaborazione elettronica dei dati, tecnica per aumentare la densità di informazioni registrate su un nastro magnetico. 

leggi

impaccare

v. tr. [io impacco , tu impacchi ecc.] confezionare in uno o più pacchi; mettere in un pacco: impaccare i libri , la merce.  

leggi

impaccatore

s.m. [f. -trice] chi è addetto alla confezione di pacchi. 

leggi

impaccatrice

s.f. macchina automatica per confezionare pacchi. 

leggi

impaccatura

s.f. l'impaccare, l'essere impaccato. 

leggi

impacchettamento

s.m. l'impacchettare; l'essere confezionato in pacchetto. 

leggi

impacchettare

v. tr. [io impacchétto ecc.] (1) confezionare in uno o più pacchetti; mettere in un pacchetto: impacchettare un regalo  (2) (fig. fam.) legare, imprigionare: se qualcosa sapevano,... vi avrebbero già impacchettati (pavese). 

leggi

impacchettatore

s.m. [f. -trice] chi è addetto alla confezione di pacchetti. 

leggi

impacchettatrice

s.f. macchina che impacchetta automaticamente determinati prodotti. 

leggi

Sitemap