impastare

v. tr.

1.  mescolare e manipolare una o più sostanze per farne una pasta omogenea: impastare il pane ; impastare la farina con le uova ; impastare l'argilla | impastare i colori , manipolarli sulla tavolozza o direttamente sulla tela per fonderli e ottenere gli effetti desiderati

2.  (non com.) spalmare di colla, incollare | impastarsi v. rifl.

3.  amalgamarsi, mescolarsi in un impasto

4.  sporcarsi, imbrattarsi di pasta o di altre sostanze appiccicose

5.  (tip.) detto della stampa, perdere nitidezza per eccesso d'inchiostrazione o per sovrapposizione dei segni grafici: il carattere , il disegno s'è impastato.

impastato

part. pass. di impastare agg. 

leggi

rimpastare

v. tr.  (1) impastare di nuovo (2) (fig.) rimaneggiare: rimpastare un romanzo | rimpastare un governo , effettuarne un rimpasto. 

leggi

ammaltare

v. tr. (non com.) fare la malta; impastare materie argillose. 

leggi

appastare

v. tr. (ant.) impastare | appastarsi v. rifl. (ant.) formare una pasta | attaccarsi tenacemente: le ripe eran grommate d'una muffa, / per l'alito di giù che vi s'appasta (dante inf. xviii, 106-107). 

leggi

molazza

s.f.  (1) macina (2) macchina impastatrice frantumatrice costituita da una vasca di lamiera entro cui ruotano delle mole di acciaio; è usata in edilizia per impastare malte. 

leggi

impastamento

s.m.  (1) l'impastare, l'essere impastato | (non com.) l'impasto ottenuto (2) (med.) tipo di massaggio fisioterapico che si esegue con movimenti simili a quelli compiuti nell'impastare il pane. 

leggi

impastatore

s.m. [f. -trice] operaio che impasta il pane o altre sostanze. 

leggi

impastatrice

s.f. macchina per impastare, usata soprattutto nell'industria alimentare e nell'edilizia (per amalgamare la malta e il calcestruzzo). 

leggi

impastatura

s.f. l'impastare, l'essere impastato | (non com.) l'impasto che si ottiene. 

leggi

impasticcarsi

v. rifl. [io m'impasticco , tu t'impasticchi ecc.] (1) (gerg.) usare sostanze stupefacenti (2) (scherz.) fare grande uso di medicinali in pastiglie. 

leggi

impasticcato

part. pass. di impasticcarsi agg. e s.m. [f. -a] (gerg.) drogato. 

leggi

impasticciare

v. tr. [io impastìccio ecc.] (1) manipolare vari ingredienti per fare un pasticcio (2) (fig.) mettere insieme in modo disordinato e confuso; eseguire male, abborracciare: impasticciare un discorso ; impasticciare un lavoro | ingarbugliare: impasticciare una faccenda  (3) (non com.) sporcare, imbrattare | impasticciarsi v. rifl. o intr. pron.  (4) insozzarsi, impiastricciarsi (5) (fig.) confondersi, perdere il filo del ragionamento: nel bel mezzo del discorso si è...

leggi

impasto

s.m.  (1) l'impastare, l'essere impastato (2) l'amalgama ottenuto impastando sostanze differenti: un impasto sodo , molle | in pittura, lo strato di colore che forma la superficie di un dipinto (3) (fig.) mescolanza di elementi diversi: l'uomo è sempre un impasto delle medesime qualità (nievo) | (mus.) fusione di diversi timbri vocali o strumentali. 

leggi

impasto

agg. (ant. , lett.) che non ha mangiato, digiuno: leon che impasto rugge (monti). 

leggi

Sitemap