impasto

(1)

s.m.

1.  l'impastare, l'essere impastato

2.  l'amalgama ottenuto impastando sostanze differenti: un impasto sodo , molle | in pittura, lo strato di colore che forma la superficie di un dipinto

3.  (fig.) mescolanza di elementi diversi: l'uomo è sempre un impasto delle medesime qualità (nievo) | (mus.) fusione di diversi timbri vocali o strumentali.

impasto (2)

agg. (ant. , lett.) che non ha mangiato, digiuno: leon che impasto rugge (monti).

impastocchiare

v. tr. [io impastòcchio ecc.] escogitare pretesti o menzogne per ingannare altri o trarre d'impaccio sé stessi: impastocchiare delle scuse | impastocchiare qualcuno , imbrogliarlo. 

leggi

impastoiare

v. tr. [io impastóio ecc.] (1) mettere le pastoie a un animale: impastoiare un cavallo  (2) (estens.) impedire, intralciare i movimenti (anche fig.): impastoiare il progresso civile.  

leggi

ingobbio

s.m. impasto argilloso con cui si riveste una ceramica, gener. prima della cottura, per conferirle un aspetto migliore. 

leggi

copata

s.f. tipico dolce senese, fatto con un impasto di miele e frutta secca tritata schiacciato fra due ostie rotonde. 

leggi

imprimitura

s.f. (pitt.) preparazione della tela o della tavola prima della stesura del colore; si effettua mediante un impasto per lo più a base di olio cotto e biacca o gesso spento e colla | (estens.) lo strato stesso di tale impasto. 

leggi

eternit

® s.m. (edil.) materiale da costruzione duro e leggero, ottenuto per impasto di cemento con fibre di amianto, usato per coperture, lastre, tubi ecc.; fibrocemento. 

leggi

cannolo

s.m. (gastr.) dolce di pasta arrotolata, fritta o cotta al forno, riempita con un impasto di ricotta, zucchero, canditi e cioccolata, specialità della sicilia | lo stesso che cannoncino nel sign. 2. 

leggi

graniglia

s.f.  (1) materiale da costruzione costituito da piccoli frammenti di pietra (2) impasto di cemento e di frammenti di marmo, usato soprattutto per fabbricare mattonelle. 

leggi

impastare

v. tr.  (1) mescolare e manipolare una o più sostanze per farne una pasta omogenea: impastare il pane ; impastare la farina con le uova ; impastare l'argilla | impastare i colori , manipolarli sulla tavolozza o direttamente sulla tela per fonderli e ottenere gli effetti desiderati (2) (non com.) spalmare di colla, incollare | impastarsi v. rifl.  (3) amalgamarsi, mescolarsi in un impasto (4) sporcarsi, imbrattarsi di pasta o di altre sostanze appiccicose (5) (tip.) detto...

leggi

impastamento

s.m.  (1) l'impastare, l'essere impastato | (non com.) l'impasto ottenuto (2) (med.) tipo di massaggio fisioterapico che si esegue con movimenti simili a quelli compiuti nell'impastare il pane. 

leggi

impastato

part. pass. di impastare agg. 

leggi

impastatore

s.m. [f. -trice] operaio che impasta il pane o altre sostanze. 

leggi

impastatrice

s.f. macchina per impastare, usata soprattutto nell'industria alimentare e nell'edilizia (per amalgamare la malta e il calcestruzzo). 

leggi

impastatura

s.f. l'impastare, l'essere impastato | (non com.) l'impasto che si ottiene. 

leggi

impasticcarsi

v. rifl. [io m'impasticco , tu t'impasticchi ecc.] (1) (gerg.) usare sostanze stupefacenti (2) (scherz.) fare grande uso di medicinali in pastiglie. 

leggi

impasticcato

part. pass. di impasticcarsi agg. e s.m. [f. -a] (gerg.) drogato. 

leggi

impasticciare

v. tr. [io impastìccio ecc.] (1) manipolare vari ingredienti per fare un pasticcio (2) (fig.) mettere insieme in modo disordinato e confuso; eseguire male, abborracciare: impasticciare un discorso ; impasticciare un lavoro | ingarbugliare: impasticciare una faccenda  (3) (non com.) sporcare, imbrattare | impasticciarsi v. rifl. o intr. pron.  (4) insozzarsi, impiastricciarsi (5) (fig.) confondersi, perdere il filo del ragionamento: nel bel mezzo del discorso si è...

leggi

Sitemap