impiccato

part. pass. di impiccare e agg. nei sign. del verbo s.m. [f. -a]

1.  persona che è stata sottoposta a impiccagione o che si è uccisa impiccandosi | voce da impiccato , (fig.) flebile, esile | prov. : parlare di corda in casa dell'impiccato , ricordare a qualcuno cose che gli procurano vergogna o dolore

2.  (ant.) scellerato, ribaldo: vuoi tu che io ti creda, impiccato! (machiavelli).

impiccatore

s.m. (rar.) chi impicca; chi manda alla forca molte persone. 

leggi

impiccamento

s.m. l'impiccare, l'impiccarsi, l'essere impiccato | (fig.) vincolo, obbligo gravoso. 

leggi

impiccare

v. tr. [io impicco , tu impicchi ecc.] (1) uccidere, giustiziare qualcuno appendendolo per il collo a un capestro: impiccare alla forca , a un albero | non farebbe una cosa simile neanche se lo impiccassero o neanche a impiccarlo , a nessun costo (2) (estens.) stringere eccessivamente alla gola (detto di colletto e sim.) (3) (fig.) prendere per il collo, incalzare, mettere in difficoltà: siamo impiccati da queste scadenze  (4) (non com.) appendere, sospendere, spec. se in...

leggi

impiccagione

s.f. l'impiccare, l'essere impiccato, come forma di esecuzione capitale: giustiziare per impiccagione ; un condannato all'impiccagione.  

leggi

impiccatura

s.f. (rar.) impiccagione. 

leggi

impicciare

v. tr. [io impìccio ecc.] (fam.) essere d'intralcio, ostacolare; ingombrare (anche assol.): impicciare il passaggio ; questo tavolo impiccia | impicciarsi v. rifl. intromettersi, immischiarsi: impicciarsi nei fatti degli altri ; dovrebbe impicciarsi degli affari suoi e non seccarmi | impicciarsi con qualcuno , farsi coinvolgere in faccende poco lecite. 

leggi

impicciato

part. pass. di impicciare agg. (fam.) (1) occupato, intralciato da una serie di seccature e di impegni noiosi: oggi sono molto impicciato | imbarazzato, impacciato (2) intricato, imbrogliato: una questione piuttosto impicciata.  

leggi

impiccinire

v. tr. [io impiccinisco , tu impiccinisci ecc.] (non com.) far diventare o far sembrare piccino | (fig.) rendere meschino, immiserire: tutti quei discorsi m'avevano impiccinito l'uomo e messa compassione di lui (giusti) | v. intr. [aus. essere] (non com.) diventare, farsi più piccolo. 

leggi

impiccio

s.m.  (1) qualunque cosa che costituisca un fastidio, un ostacolo: esser d'impiccio ; dare impiccio  (2) affare imbrogliato, guaio, seccatura: essere , trovarsi in un brutto impiccio ; cacciarsi in un impiccio ; togliere dagli impicci  (3) (lett.) imbarazzo, disorientamento: chi non ha visto don abbondio... non sa bene cosa sia impiccio e spavento (manzoni p. s. xxix). 

leggi

impicciolire

v. tr. [io impicciolisco , tu impicciolisci ecc.] (non com.) rimpicciolire. 

leggi

Sitemap