malcauto

o mal cauto, agg. avventato, incauto, malaccorto § malcautamente avv.

malcaduco

o mal caduco, s.m. [pl. -chi] (antiq.) epilessia. 

leggi

malcapitato

o mal capitato, agg. e s.m. [f. -a] che, chi è capitato in un brutto momento | che, chi si viene a trovare, senza sua colpa, in una situazione difficile. 

leggi

malcelato

o mal celato, agg. si dice di sentimento che non si riesce a contenere, che risulta evidente nonostante lo si vorrebbe nascondere: una rabbia malcelata.  

leggi

malcerto

o mal certo, agg. (non com.) non ben certo, non ben definito; dubbio, malsicuro, instabile. 

leggi

malcollocato

o mal collocato, agg. collocato male; male impiegato, mal riposto: denaro malcollocato , sentimenti malcollocati.  

leggi

malconcio

agg. [pl. f. -ce] conciato male, ridotto in cattivo stato: un vestito malconcio per la pioggia ; uscire malconcio da una zuffa.  

leggi

malconoscente

agg. (non com.) ingrato, non riconoscente. 

leggi

malconsiderato

agg. (lett.) sconsiderato, avventato. 

leggi

malconsigliato

agg. (non com.) malaccorto, incauto; sconsigliato. 

leggi

malcontento

agg. non soddisfatto; scontento, insofferente: la risposta lo lasciò malcontento s.m.  (1) [f. -a] chi non è contento e si lamenta contro qualcuno o qualcosa (2) inquietudine, scontentezza, insoddisfazione; in partic., malumore che serpeggia tra i cittadini per ragioni politiche, economiche, sociali: c'era del malcontento tra la folla ; il provvedimento suscitò il malcontento generale.  

leggi

Sitemap