malizia

s.f.

1.  disposizione ad agire deliberatamente contro l'onestà, la virtù, la giustizia: fare qualcosa con malizia

2.  consapevolezza, spesso compiaciuta, di ciò che è male: parlare senza malizia

3.  divertita consapevolezza di ciò che vi può essere di audace, di piccante in una situazione: un'occhiata carica di malizia

4.  astuzia, espediente che mira a raggiungere un determinato scopo; furberia: le malizie del mestiere. dim. malizietta

5.  (ant.) caratteristica di ciò che è fisicamente dannoso; per estens., malattia, infezione, corruzione: quando fu l'aere sì pien di malizia, / che li animali, infino al picciol vermo, / cascaron tutti (dante inf. xxix, 60-62).

maliziare

v. intr. [io malìzio ecc. ; aus. avere] (non com.) malignare | v. tr. (ant.) alterare (una merce). 

leggi

maliziosità

s.f.  (1) l'essere malizioso (2) atto, pensiero, detto malizioso. 

leggi

malizioso

agg.  (1) che ha malizia: una persona maliziosa. dim. maliziosetto , maliziosino  (2) che denota malizia: un sorriso malizioso ; una domanda maliziosa | con senso attenuato, brioso, vivace, vispo: un bambino con due occhietti maliziosi  (3) (ant.) astuto, sagace, scaltrito: tutto ciò sentito avea, sì come colui che malizioso era (boccaccio dec. iii, 2) § maliziosamente avv.  

leggi

Sitemap