mandato

(1)

part. pass. di mandare e agg. nei sign. del verbo s.m. (ant.) ambasciatore.

mandato (2)

s.m.

1.  incarico di agire per conto di altri: operare su , per mandato del presidente | mandato elettorale , quello che gli elettori affidano all'eletto

2.  (dir.) contratto con il quale una parte (mandatario) si obbliga a compiere uno o più atti giuridici per conto dell'altra (mandante): dare , affidare un mandato | mandato di rappresentanza , con il quale una ditta autorizza un rappresentante ad agire per conto della ditta stessa | mandato esplorativo , conferito dal presidente della repubblica a chi è incaricato di formare il governo

3.  nel diritto internazionale, istituto col quale un territorio ex coloniale veniva affidato dalla società delle nazioni a uno stato amministratore; il territorio sottoposto a tale amministrazione

4.  in procedura penale, provvedimento che ha lo scopo di garantire la presenza dell'imputato davanti all'autorità giudicante o che dispone la limitazione della sua libertà personale: mandato di comparizione , di cattura , di arresto

5.  mandato (di pagamento) , ordine di pagamento dato da un'amministrazione al suo cassiere, da un cliente a una banca; anche, il documento in cui l'ordine è espresso.

mandatore

s.m.  (1) [f. -trice] (non com.) chi manda (2) nel gioco del pallone toscano con bracciale, chi è preposto a lanciare la palla in campo. 

leggi

mandatario

s.m. [f. -a] (dir.) chi ha ricevuto un mandato e agisce per conto del mandante | anche come agg. : stato mandatario , che governa un territorio in regime di mandato. 

leggi

inviato

part. pass. di inviare s.m. [f. -a] chi è mandato da un governo, da una persona o da un ente in un luogo con determinati incarichi; emissario | inviato speciale , giornalista mandato in una località per seguire avvenimenti di grande importanza o per svolgere un'inchiesta | inviato straordinario , in diplomazia, chi viene mandato presso un governo straniero con incarichi speciali. 

leggi

delega

s.f. il delegare | in diritto civile, procura, mandato | in funzione di agg. invar. solo nella loc. legge delega , legge emanata dal governo quando il parlamento gliene attribuisce la facoltà. 

leggi

liquidatore

s.m. [f. -trice] chi liquida, chi è incaricato di liquidare; in partic., chi, su mandato di un magistrato, cura la liquidazione di un fallimento | anche come agg. : perito liquidatore.  

leggi

comparizione

s.f. (non com.) il comparire | (dir.) presentazione davanti al giudice di una parte in un processo civile o di un imputato in un processo penale: mandato , ordine di comparizione.  

leggi

mandare

v. tr.  (1) riferito a persona, farla andare in un determinato luogo e per lo più con uno scopo preciso: mandalo a casa! ; l'ho mandato a chiamare il medico ; l'ho mandato per la spesa ; lo mandarono come ambasciatore a londra | mandagli a dire che. .., fagli sapere che... | non gliel'ho mandato a dire , gliel'ho detto in faccia, apertamente | mandare a farsi benedire , alla malora , al diavolo , all'inferno , a quel paese , allontanare...

leggi

mandamentale

agg. di un mandamento: carcere mandamentale.  

leggi

mandamento

s.m.  (1) (dir.) la circoscrizione giudiziaria nel cui ambito svolge la propria attività il pretore (2) (ant.) ordine, comandamento. 

leggi

mandante

part. pres. di mandare e agg. nei sign. del verbo s.m. e f.  (1) (dir.) chi affida ad altri (mandatario) il compimento di un atto giuridico (mandato) (2) chi affida ad altri l'esecuzione di qualcosa, spec. di un atto illecito: il mandante di un delitto.  

leggi

mandarancio

s.m. frutto ottenuto dall'incrocio tra il mandarino e l'arancio amaro; ha le dimensioni di un mandarino e la scorza ruvida e spessa come quella dell'arancia, ma di colore più carico (fam. rutacee). 

leggi

mandarinato

s.m. carica, ufficio, dignità di mandarino. 

leggi

mandarinesco

agg. [pl. m. -schi] (spreg.) di, da mandarino: atteggiamento mandarinesco.  

leggi

mandarinetto

s.m. liquore che si ottiene con essenza di mandarino. 

leggi

mandarinismo

s.m.  (1) burocrazia venale e vessatoria come quella dei mandarini cinesi (2) in politica, tendenza a imporre e a far valere la propria autorità al fine di conservare i privilegi di cui si gode. 

leggi

mandarino

s.m. nella cina imperiale, alto dignitario di corte la cui casta godeva di ampi privilegi | (estens.) funzionario, personaggio pubblico che gode di privilegi e si comporta in modo autoritario | usato come agg. in (anatra) mandarina , varietà di anatra originaria dell'estremo oriente. 

leggi

Sitemap