onorevole

ant. orrevole, agg.

1.  degno di onore: persona onorevole | in italia, titolo attribuito ai membri del parlamento, soprattutto ai deputati, e usato anche per tradurre titoli analoghi o appellativi di rispetto di paesi stranieri (nell'uso scritto spesso abbreviato in on.): l'on. presidente del consiglio ; onorevoli colleghi , formula allocutoria usata da chi interviene in parlamento

2.  che fa onore, che costituisce motivo di onore: tenere un comportamento onorevole ; una professione onorevole | che non lede, non pregiudica l'onore: soluzione , accordo onorevole

3.  (ant.) decoroso; pomposo, splendido: fece fare uno orrevole e bello casamento (boccaccio dec. ix, 5) s.m. e f. chi è membro del parlamento, e in partic. deputato § onorevolmente avv.

onorevolezza

ant. orrevolezza, s.f. (rar.) (1) l'essere onorevole, onorato (detto di cosa) (2) onorabilità, dignità (riferito a persona). 

leggi

orrevole

e deriv. vedi onorevole e deriv.  

leggi

onorabile

agg.  (1) che può, che deve essere onorato: vita , nome , persona onorabile  (2) (ant.) che fa onore; onorevole § onorabilmente avv.  

leggi

pergola

s.f. (arald.) pezza onorevole formata dalla riunione al centro dello scudo di tre bande, diminuite in larghezza, partenti dagli angoli del capo e dalla punta. 

leggi

bordura

s.f.  (1) orlo, margine, bordo (2) (gastr.) guarnizione di vari ingredienti per piatti di portata (3) (arald.) pezza onorevole che corre lungo l'orlo interno dello scudo occupandone la sesta parte. 

leggi

Sitemap