opposto

ant. opposito [op-pò-si-to], part. pass. di opporre agg.

1.  che è posto di fronte: il lato , il marciapiede opposto | foglie opposte , (bot.) che stanno sullo stesso nodo, una di fronte all'altra

2.  (fig.) contrario, contrapposto: opinioni , tendenze opposte ; un concetto diametralmente opposto

3.  (filos.) si dice di termine o di giudizio che è in rapporto di opposizione con altro termine o altro giudizio (p. e. metà - doppio , bianco - nero , essere - non essere)

4.  (mat.) si dice dell'inverso di un elemento rispetto all'addizione; p. e. a è l'elemento opposto di b , per cui: a + (b) a° 0 s.m. il contrario, la cosa contraria: è l'opposto di suo padre ; dire , fare , pensare l'opposto | tutto l'opposto , la cosa assolutamente contraria ' all'opposto , al contrario § oppostamente avv. (non com.) all'opposto, contrariamente.

antonimo

agg. e s.m. (ling.) si dice di parola che abbia significato opposto a un'altra; si contrappone a sinonimo : 'buono' è antonimo di 'cattivo'.  

leggi

antimeridiano

s.m. (geog.) semicirconferenza che ha gli estremi sui poli e che passa per il punto della sfera diametralmente opposto a quello considerato. 

leggi

anticonformista

s.m. e f. [pl. m. -sti] chi pensa o si comporta in modo opposto alle opinioni e ai costumi correnti. 

leggi

contrarietà

s.f. invar.  (1) l'essere contrario, opposto o avverso: la contrarietà della sorte | sentimento di avversione, di fastidio: provare contrarietà  (2) spec. pl. avversità, disavventura: un viaggio pieno di contrarietà.  

leggi

antipetrarchista

agg. e s.m. e f. [pl. m. -sti] che, chi è contrario al petrarchismo; chi persegue uno stile poetico opposto a quello del petrarca: gli antipetrarchisti del cinquecento.  

leggi

abboccatura

s.f.  (1) l'abboccare; imboccatura (2) nei serramenti, tratto in cui il montante della parte mobile opposto a quello incernierato combacia con il corrispondente montante della parte fissa. 

leggi

antifrasi

s.f. figura retorica che consiste nell'usare ironicamente un termine o una locuzione, con significato opposto a quello proprio (p. e. è un genio , per dire 'è uno stupido'). 

leggi

opporre

ant. opponere, v. tr. [coniugato come porre] mettere, porre contro (sul piano fisico o morale, intellettuale): opporre fortificazioni all'avanzata nemica ; opporre un'accanita resistenza ; opporre un rifiuto ; opporre validi argomenti | (non com.) obbiettare: oppose che non poteva esser vero | opporsi v. rifl. o intr. pron. porsi contro: il pollice si oppone alle altre dita | (fig.) costituire contrasto, fare ostacolo: nulla si oppone ; i genitori si opposero al loro matrimonio | v. rifl....

leggi

Sitemap