ordinazione

(1)

s.f. (eccl.) conferimento del sacramento dell'ordine.

ordinazione (2)

s.f. ordine, incarico di fornire una merce o di eseguire un lavoro: fare , ricevere un'ordinazione ; lavorare su ordinazione ' in bar, ristoranti e sim., richiesta di cibi o bevande che si fa a chi è addetto al servizio. dim. ordinazioncella.

commessa

s.f. ordinazione di merce o di beni da produrre; il valore di tale ordinazione: una commessa di venti miliardi ; venti miliardi di commesse.  

leggi

ordinativo

agg. che serve a ordinare: principi ordinativi s.m. ordine, ordinazione di merce: passare un ordinativo.  

leggi

mail order

loc. sost. m. invar. ordinazione inviata per posta a un'impresa specializzata nella vendita per corrispondenza. 

leggi

comanda

s.f. (gerg. region.) al ristorante, ordinazione di ciò che il cliente desidera consumare: raccogliere le comande dei vari tavoli.  

leggi

ordinabile

agg. che si può ordinare. 

leggi

ordinale

agg. e s.m. (gramm.) si dice di numerale che indica l'ordine in una successione (p. e. primo , secondo , terzo ecc) | (mat) si dice di numero che per insiemi finiti coincide col numero cardinale, mentre per insiemi infiniti rappresenta un'estensione del concetto di numero naturale che tiene conto dell'ordinamento dell'insieme. 

leggi

ordinamento

s.m.  (1) l'ordinare, l'essere ordinato; ordine, disposizione: l'ordinamento del mondo , dei cieli ; l'ordinamento di una biblioteca , di un archivio  (2) il complesso di norme e di istituti vigenti in un determinato stato o in una determinata materia: ordinamento giuridico , giudiziario , scolastico , militare | gli ordinamenti civili , l'insieme delle leggi, istituzioni e consuetudini riconosciute che regolano la vita civile. 

leggi

ordinando

s.m. (eccl.) chi sta per ricevere gli ordini sacri. 

leggi

ordinante

part. pres. di ordinare agg. e s.m. e f. che, chi ordina; che, chi dà o ha dato un ordine o ha fatto un'ordinazione | (eccl.) che, chi procede all'ordinazione di sacerdoti. 

leggi

ordinanza

s.f.  (1) (dir.) atto normativo emanato da un ministro, da un prefetto o da un sindaco: ordinanza ministeriale | nel diritto processuale, provvedimento del giudice che concerne tempi e strumenti relativi al processo (p. e. l'ammissione di testi) | ordinanza di rinvio a giudizio , quella emessa dal giudice istruttore quando esistono prove sufficienti a carico dell'imputato (2) nel linguaggio militare, qualsiasi prescrizione o ordinamento | marciare in ordinanza , in schiera | ufficiale...

leggi

ordinare

v. tr. [io órdino ecc.] (1) mettere in ordine, disporre secondo un certo ordine; per estens., dettare criteri, norme, leggi che regolano un determinato insieme: ordinare una stanza , un cassetto ; ordinare la biblioteca ; ordinare la legislazione di uno stato ; ordinare le idee  (2) (mat.) dotare un insieme di una relazione di ordine (3) imporre come ordine; comandare: ordinare lo sgombero di un edificio pericolante ; ordinare ai soldati di attaccare ' prescrivere come terapia:...

leggi

ordinariato

s.m.  (1) ufficio, grado di professore ordinario (2) (eccl.) ufficio di vescovo. 

leggi

ordinarietà

s.f. l'essere ordinario, normale | (estens.) scarsa, cattiva qualità; anche, rozzezza, volgarità. 

leggi

ordinario

agg.  (1) che non esce dall'ordine comune delle cose, che rientra nella norma; consueto: seduta , spesa ordinaria ; affari di ordinaria amministrazione ; magistratura ordinaria ; posta ordinaria ; biglietto ordinario , a tariffa intera (2) di scarsa qualità grossolano, dozzinale: un tessuto ordinario | rozzo, volgare: uomo ordinario  (3) professore ordinario , professore di ruolo che ha concluso il periodo dello straordinariato; nell'insegnamento universitario, professore di ruolo...

leggi

Sitemap