parasito

vedi parassita.

parasalite

agg. e s.m. invar. si dice di un dispositivo munito di punte d'acciaio rivolte verso il basso applicato ai tralicci o altri sostegni di linee elettriche per impedirne la scalata. 

leggi

parasartie

s.m. invar. (mar.) nei velieri, robusta tavola posta orizzontalmente fuori bordo, in corrispondenza di ciascun albero della nave, a cui fanno capo sartie e paterazzi. 

leggi

parascenio

s.m. nell'antico teatro greco, ciascuno dei corpi laterali sporgenti dell'edificio scenico. 

leggi

parasceve

s.f.  (1) il venerdì di ogni settimana nel quale gli ebrei solevano preparare il cibo per il sabato in modo da poter rispettare il riposo prescritto per questo giorno (2) nella tradizione cristiana, il venerdì santo. 

leggi

paraschegge

agg. e s.m. invar. (mil.) si dice di riparo contro le schegge prodotte dall'esplosione di proiettili. 

leggi

parascolastico

agg. [pl. m. -ci] che affianca, integra la scuola, i suoi programmi e i suoi strumenti di studio: istituto parascolastico ; attività parascolastiche.  

leggi

paraselene

o paraselenio , s.m. fenomeno atmosferico consistente nell'apparizione, accanto al disco illuminato della luna, di altri dischi meno luminosi; è dovuto alla rifrazione della luce nell'interno di nubi formate da cristalli di ghiaccio. 

leggi

parasimpatico

agg. e s.m. [pl. m. -ci] (anat.) si dice di una delle due parti del sistema neurovegetativo, quella che fa capo ai centri situati nel mesencefalo e nel bulbo; si contrappone a simpatico.  

leggi

parasimpaticolitico

agg. [pl. m. -ci] (farm.) si dice di ogni sostanza naturale o sintetica dotata di azione spasmolitica, antisecretoria, midriatica, cardiostimolante (p. e. l'atropina). 

leggi

parasimpaticomimetico

agg. [pl. m. -ci] (farm.) si dice di ogni sostanza, naturale o sintetica, dotata di azione stimolante nei confronti del sistema parasimpatico. 

leggi

Sitemap