parlato

(1)

part. pass. di parlare agg.

1.  nei sign. del verbo

2.  che riguarda o costituisce il linguaggio orale di uso corrente, in contrapposizione al linguaggio scritto o letterario: uso parlato della lingua ; lingua parlata

3.  si dice di film dotato di colonna sonora; anche, del cinema costituito da film parlati (in contrapposizione al cinema muto) s.m.

4.  linguaggio parlato | sintesi , riconoscimento del parlato , (inform.) capacità di un computer di riprodurre artificialmente il linguaggio umano o di decifrarlo

5.  il dialogo registrato sulla colonna sonora di un film | il cinema parlato

6.  (mus.) lo stesso che parlando | indicazione che, in alcune forme musicali (p. e. l'operetta) prescrive il passaggio dal canto alla recitazione | complesso delle parti recitate in una rappresentazione scenica musicale.

parlato (2)

agg. e s.m. (mar.) si dice di un tipo di doppio nodo usato per legare un cavo sottile a un'asta, a un anello o a un cavo più grosso.

parlatore

s.m. [f. -trice , pop. -tóra] (1) (ant.) chi parla (2) chi parla bene, con facilità, in modo eloquente o persuasivo: essere un gran parlatore.  

leggi

parlatorio

s.m. nei collegi, nei conventi e sim., locale in cui i visitatori si incontrano con gli ospiti della comunità nelle carceri, luogo in cui i visitatori si incontrano con i detenuti. 

leggi

doppiaggio

s.m. (cine.) registrazione del parlato che, nell'approntamento della colonna sonora, viene effettuata in un tempo successivo alla ripresa, allo scopo di riprodurre il parlato in un'altra lingua o di migliorarlo nella lingua originale. 

leggi

brianzolo

agg. della brianza, riferito ai suoi abitanti s.m.  (1) [f. -a] nativo, abitante della brianza (2) dialetto lombardo parlato in brianza. 

leggi

calabrese

agg. della calabria | cappello alla calabrese , cappello con calotta appuntita e bordure di cuoio alla tesa s.m.  (1) [anche f.] chi è nato o abita in calabria (2) il dialetto parlato in calabria. 

leggi

parlare

v. intr. [aus. avere] (1) pronunciare parole; esprimere con parole pensieri o sentimenti: parlare a , con qualcuno ; parlare con voce chiara , forte ; parlare a voce alta , bassa ; parlare lentamente , sottovoce ; parlare col , nel naso , con voce nasale; parlare a fior di labbra , piano; parlare tra i denti , in modo indistinto; parlare da solo , fare un soliloquio; parlare tra sé (e sé) , pronunciare qualche parola a voce bassissima, rivolgendosi a sé stesso, quasi per riassumere i...

leggi

parlabile

agg. che si può parlare, che si riesce a parlare: lingua , dialetto parlabile.  

leggi

parlagio

o parlascio, s.m. nel medioevo, area urbana, luogo nel quale si tenevano assemblee civiche, commerciali, militari. 

leggi

parlamentare

ant. parlamentario, agg.  (1) del parlamento, che si riferisce al parlamento: commissione , dibattito , inchiesta , immunità parlamentare | regime parlamentare , regime politico in cui il governo è legittimato nelle sue funzioni dalla fiducia che gli accorda il parlamento (2) (scherz) si dice di ciò che è detto o fatto nel rispetto della forma e delle convenienze; diplomatico, cortese: un comportamento non troppo parlamentare s.m. e f.  (3) membro del parlamento, deputato o...

leggi

parlamentare

v. intr. [io parlaménto ecc. ; aus. avere] (1) trattare a voce con capi o rappresentanti dell'esercito nemico per concludere una tregua, un armistizio o un altro accordo militare | trattare con un avversario, con chi manifesta ostilità (2) (estens.) discutere con qualcuno per venire a un accordo, a un accomodamento. 

leggi

parlamentarismo

s.m. sistema politico nel quale si conferisce al parlamento, oltre alla funzione legislativa, anche quella di ampio controllo del governo e della vita politica | (spreg.) per gli avversari di tale sistema, regime inefficiente, degenerazione del sistema parlamentare. 

leggi

parlamentarista

s.m. e f. [pl. m. -sti] fautore, sostenitore del parlamentarismo | usato anche come agg. in luogo di parlamentaristico : dottrina parlamentarista.  

leggi

parlamentaristico

agg. [pl. m. -ci] del parlamentarismo, ispirato al parlamentarismo: sistema parlamentaristico.  

leggi

parlamentatore

agg. e s.m. [f. -trice] (non com.) che, chi parlamenta. 

leggi

parlamentino

s.m. in un'organizzazione politica, sindacale, scolastica ecc., piccola assemblea direttiva eletta in rappresentanza di una base più vasta (talora con sfumatura spreg.). 

leggi

Sitemap