particolare

ant. particulare, agg.

1.  che non è proprio di tutti o di un tutto, ma solo di uno o di una parte; specifico: un interesse particolare ; segretario particolare ; leggi particolari sull'emigrazione ; ognuno ha un suo modo particolare di vedere le cose | segni particolari , quelli che possono facilitare il riconoscimento di una persona (p. e. cicatrici, nei) ' con particolare riguardo a , con specifica attenzione a ' in (modo) particolare , particolarmente

2.  che è fuori del comune, dell'ordinario; singolare, eccezionale: avere una particolare disposizione per la musica ; una donna di bellezza particolare | amicizie particolari , quelle tra omosessuali

3.  (ant.) privato s.m.

4.  ciò che è particolare: il procedimento induttivo va dal particolare all'universale

5.  ciascuno degli elementi singoli facenti parte di un tutto; ciascuna delle circostanze di un fatto: nota quel particolare del quadro ; esaminare un problema in tutti i suoi particolari ; ricordare un fatto fin nei minimi particolari

6.  (ant.) privato cittadino: i delitti contrari alla sicurezza di ciascun particolare (beccaria)

7.  (ant.) interesse privato § particolarmente avv.

8.  nei particolari, in dettaglio: esaminare qualcosa particolarmente

9.  in modo specifico; soprattutto, principalmente: lo dico a tutti, ma particolarmente a te

10.  in modo speciale; molto: ho apprezzato particolarmente la tua risposta ; uno spettacolo particolarmente interessante.

particolareggiare

v. tr. [io particolaréggio ecc.] narrare minutamente, in tutti i particolari: particolareggiare tutte le circostanze di un fatto | (assol.) dare risalto eccessivo ai particolari: descrivere qualcosa senza troppo particolareggiare.  

leggi

particolareggiato

part. pass. di particolareggiare agg. curato nei particolari, minuzioso: descrizione particolareggiata § particolareggiatamente avv.  

leggi

aerotreno

s.m.  (1) tipo particolare di treno che si muove su un cuscino d'aria (2) aerotraino. 

leggi

aerofaro

s.m. luce aeronautica di superficie che consente di individuare un particolare punto di riferimento durante il volo notturno. 

leggi

agucchiare

v. intr. [io agùcchio ecc. ; aus. avere] lavorare con l'ago o con i ferri da calza, per svago e senza particolare applicazione; sferruzzare. 

leggi

addomesticato

part. pass. di addomesticare agg.  (1) reso domestico; ammaestrato (2) preparato ad arte, manipolato in vista di un particolare fine; falsificato: elezioni addomesticate.  

leggi

acromegalia

s.f. (med.) esagerato sviluppo dello scheletro, in particolare degli arti e di parti del viso, per eccesso di secrezione ipofisaria. 

leggi

particola

s.f.  (1) (ant.) piccola parte; suddivisione (2) (lit.) ciascuna delle parti in cui si spezza l'ostia consacrata durante la messa; anche, la piccola ostia con la quale si comunicano i fedeli: le sacre particole.  

leggi

particolarismo

s.m.  (1) atteggiamento di chi, per curare i propri interessi personali, danneggia la comunità di cui fa parte o ne disgrega l'unità: particolarismo politico , tendenza di una regione o di un gruppo etnico a sottrarsi al potere politico centrale, per ottenere autonomia o indipendenza (2) parzialità nei riguardi di singole persone o gruppi. 

leggi

particolarista

s.m. e f. [pl. m. -sti] (1) nel disegno industriale, chi è specializzato nella rappresentazione grafica di particolari (2) chi tende al particolarismo; chi è fautore del particolarismo. 

leggi

particolaristico

agg. [pl. m. -ci] proprio del particolarismo; che denota particolarismo: comportamento particolaristico § particolaristicamente avv.  

leggi

particolarità

s.f.  (1) l'essere particolare, speciale, non comune: la particolarità di un caso  (2) elemento, fatto particolare; minuzia, dettaglio: descrivere , notare ogni particolarità  (3) caratteristica specifica, distintiva: le particolarità linguistiche di un poeta ; il camaleonte ha la particolarità di cambiare il colore della pelle.  

leggi

particolarizzare

v. tr. (non com.) esporre nei particolari; particolareggiare, specificare. 

leggi

particolarizzazione

s.f. (non com.) il particolarizzare, l'essere particolarizzato. 

leggi

Sitemap