partigiana

o partesana [par-te-sà-na], o partisiana [par-ti-sià-na], s.f. arma rinascimentale costituita da una grossa lama affilata e appuntita, foggiata a triangolo e infissa in una lunga asta di legno. dim. partigianetta accr. partigianona , partigianone (m.) pegg. partigianaccia.

partigiano

s.m. [f. -a] (1) chi parteggia per un'idea, una fazione, un gruppo e sim.: i partigiani della pace  (2) chi appartiene a un gruppo armato irregolare che partecipa alla guerriglia contro gli invasori del proprio paese o contro un governo ritenuto illegittimo; in partic., durante la seconda guerra mondiale, appartenente a un movimento di resistenza contro i nazifascisti agg.  (3) che parteggia, proprio di chi parteggia; fazioso, di parte: politica partigiana ;...

leggi

maquis

s.m. invar.  (1) il complesso delle forze della resistenza francese contro gli occupanti tedeschi e i collaborazionisti francesi, durante la seconda guerra mondiale (2) [anche f.] partigiano, partigiana francese. 

leggi

partigianeria

s.f. l'essere partigiano; atteggiamento fazioso; parzialità. 

leggi

partigianesco

agg. [pl. m. -schi] (spreg.) da partigiano; fazioso: atteggiamento partigianesco § partigianescamente avv.  

leggi

Sitemap