partorire

ant. parturire, v. tr. [io partorisco , tu partorisci ecc.]

1.  dare alla luce: partorire due gemelli | (assol.) dare alla luce un figlio: partorirà tra un mese

2.  (fig.) produrre per mezzo dell'ingegno (anche scherz.): ha partorito un nuovo libro ; vediamo cosa partorirà la sua fervida mente

3.  (fig.) causare, provocare: la ricchezza partorisce invidia ; la verità partorisce odio.

spregnare

v. intr. [io sprégno ecc. ; aus. avere] (ant.) partorire | abortire. 

leggi

ripartorire

v. tr. [io ripartorìsco , tu ripartorìsci ecc.] partorire nuovamente. 

leggi

partoriente

part. pres. di partorire agg. e s.f. si dice di donna che sta partorendo o che è in procinto di partorire. 

leggi

sgravare

v. tr. alleggerire, alleviare da un peso, da un onere (spec. fig.): sgravare da un debito , da una preoccupazione | v. intr. [aus. avere] (ant.) partorire | sgravarsi v. rifl. o intr. pron.  (1) liberarsi (spec. fig.): sgravarsi di un rimorso  (2) (ant. , pop.) partorire. 

leggi

binare

v. tr.  (1) (rar.) doppiare, ripetere due volte; accoppiare due cose, abbinarle (2) (eccl.) usare della facoltà di binazione (3) (ind. tessile) eseguire l'operazione di binatura | v. intr. [aus. avere] (ant.) partorire due gemelli. 

leggi

partorimento

s.m. (non com.) il partorire. 

leggi

Sitemap