raggiro

s.m. il raggirare; inganno, imbroglio: essere vittima di un raggiro.

raggirone

s.m. [f. -a] (tosc.) chi è abile nei raggiri. 

leggi

dolo

s.m.  (1) (dir.) nel diritto civile, intenzione o consapevolezza di ledere un diritto altrui, mediante inganno o raggiro (dolo contrattuale) o recando danno (dolo extracontrattuale); nel diritto penale, volontà di commettere un reato, in quanto vi è consapevolezza che la propria azione od omissione provocherà un fatto delittuoso (2) (lett.) artifizio, raggiro, inganno. 

leggi

circonvenzione

s.f. (non com.) inganno, raggiro | circonvenzione d'incapace , (dir.) reato commesso da chi trae in inganno qualcuno profittando della sua incapacità o della sua inesperienza. 

leggi

raggirare

v. tr. trarre qualcuno in inganno; abbindolare, truffare: farsi , lasciarsi raggirare | raggirarsi v. rifl. (non com.) (1) aggirarsi, girare intorno (2) (fig.) vertere, incentrarsi: argomentazioni che si raggirano sul medesimo punto centrale.  

leggi

raggiramento

s.m.  (1) (non com.) raggiro (2) (ant.) l'aggirarsi intorno a un luogo. 

leggi

raggiratore

s.m. [f. -trice] chi raggira. 

leggi

Sitemap