ramifico

agg. [pl. m. -ci] (lett.) che produce rami.

ramificare

v. intr. [io ramìfico , tu ramìfichi ecc. ; aus. avere] produrre rami: dopo la potatura gli alberi ramificano meglio | v. tr. (chim.) trasformare una sostanza a struttura lineare, spec. un idrocarburo, in un'altra con catene laterali di atomi di carbonio | ramificarsi v. rifl. dividersi in rami; per estens., suddividersi verso varie direzioni, articolarsi in unità minori: i fiumi si ramificano alla foce ; l'atletica leggera si ramifica in numerose specialità.  

leggi

ramifero

agg. (non com.) che contiene rame: giacimento ramifero.  

leggi

ramifero

agg. ramoso, ricco di rami: pianta ramifera.  

leggi

ramificato

part. pass. di ramificare agg.  (1) munito di rami: un tronco molto ramificato  (2) (estens.) diviso in rami, in elementi secondari che si sviluppano in varie direzioni: il po è molto ramificato presso la foce | idrocarburo ramificato , (chim.) sostanza con catene di atomi di carbonio che si dipartono da una catena principale § ramificatamente avv.  

leggi

ramificazione

s.f.  (1) il dipartirsi di rami da un fusto o da altri rami (2) (estens.) il ramificarsi di qualsiasi cosa che si stacchi da un corpo principale; diramazione: la ramificazione dei bronchi ; le ramificazioni di una galleria.  

leggi

Sitemap