raschio

(1)

s.m. il raschiare in modo continuato e il rumore che ne deriva.

raschio (2)

s.m. il raschiarsi la gola; il prurito causato da un'irritazione della gola.

raschiare

v. tr. [io ràschio ecc.] (1) fregare una superficie con uno strumento ruvido o tagliente per spianarla, levigarla o pulirla: raschiare la parete , la ruggine  (2) (med.) asportare tessuti e materiali organici a scopo diagnostico o terapeutico: raschiare un osso , l'utero  (3) raschiarsi la gola (o assol. raschiare), fare un rumore con la gola nel tentativo di liberarsi da catarro o da prurito o per richiamare l'attenzione di qualcuno. 

leggi

raschiabile

agg. che si può raschiare. 

leggi

raschiamento

s.m. il raschiare, l'essere raschiato | (med.) intervento chirurgico consistente nel raschiare un osso o la cavità di un organo: raschiamento dell'utero.  

leggi

raschiaolio

s.m. invar. (mecc.) fascia elastica di ghisa o d'acciaio applicata ai pistoni dei motori a scoppio per regolare la quantità di olio lubrificante sulla superficie dei cilindri | usato anche come agg. : anello raschiaolio.  

leggi

raschiata

s.f. il raschiare alla meglio, in fretta. 

leggi

raschiatoio

s.m. raschietto; raschiatore. 

leggi

raschiatore

s.m. [f. -trice] (non com.) (1) chi raschia (2) raschietto agg. si dice di attrezzo o dispositivo che raschia una superficie: anello raschiatore.  

leggi

raschiatura

s.f.  (1) il raschiare, l'essere raschiato | la traccia che resta nella parte raschiata (2) ciò che si asporta raschiando. 

leggi

raschiello

s.m. utensile costituito da una lama d'acciaio stretta e piegata ad angolo retto, con un bordo tagliente, usato per la slupatura degli olivi; raschino. 

leggi

raschiettare

v. tr. [io raschiétto ecc.] eseguire una raschiettatura. 

leggi

Sitemap