tenero

agg.

1.  non duro, che si può facilmente scalfire, plasmare, lavorare: pietra tenera ; legno tenero | cedevole al tatto, morbido: pasta tenera | di cibo, che può essere facilmente tagliato o masticato: carne molto tenera. dim. tenerino , tenerello

2.  (estens.) non indurito dall'età, dal tempo; giovane e delicato: un tenero germoglio ; un tenero bambino | in tenera età , nell'infanzia (anche iron.): alla tenera età di sessant'anni | verde tenero , pallido, tenue

3.  (fig.) che è di animo dolce e affettuoso, che è facile alla commozione; indulgente: una madre molto tenera ; un cuore tenero ; non essere troppo tenero con tuo figlio | che esprime tenerezza: sguardo tenero

4.  (ant.) premuroso, sollecito: molti, molto teneri della mia fama mostrandosi (boccaccio dec. introduzione) s.m.

5.  le parti tenere di qualcosa: mangiare il tenero di un frutto | sentirsi pungere sul tenero , (non com.) sul vivo

6.  affetto, inclinazione, simpatia: c'è del tenero fra quei due § teneramente avv. con tenerezza, affettuosamente: amare teneramente qualcuno.

scannello

s.m. taglio magro e tenero di carne bovina, nella parte interna della coscia tra girello e controgirello. 

leggi

novale

s.m. o f. (lett.) terreno coltivato dopo un periodo di riposo a maggese: il verde tenero de la novale / sotto gli sprazzi del sol ridea (carducci). 

leggi

manteca

s.f.  (1) (lett.) pomata per capelli (2) (estens.) qualsiasi impasto molto ben mescolato, omogeneo: manteca di burro e acciughe  (3) (region.) formaggio tenero che ha nell'interno un globo di burro; burrino. 

leggi

fusaggine

s.f.  (1) arbusto con foglie lanceolate e fiori verdastri in grappoli, detto comunemente berretta da prete (fam. celastracee) (2) (carboncino di) fusaggine , carboncino tenero e compatto per disegnatori. 

leggi

tenere

v. tr. [io tèngo ant. tègno , tu tièni , egli tiène , noi teniamo ant. tegnamo , voi tenéte , essi tèngono ant. tègnono ; fut. io terrò ecc. ; pass. rem. io ténni ant. io tenéi o tenètti , tu tenésti ecc. ; pres. cong. io tènga ant. tègna. .. , noi teniamo ant. tegnamo , voi teniate ant. tegnate , essi tèngano ant. tègnano ; cond. pres. io terrèi ecc. ; imp. tièni , tenéte ; part. pres. tenènte ant. tegnènte ; part. pass. tenuto] (1) avere qualcosa con sé...

leggi

tenerezza

s.f.  (1) l'essere tenero: la tenerezza di un frutto | (estens.) morbidezza: la tenerezza di linee in un disegno  (2) (fig.) sentimento di affetto delicato; affettuosa commozione: tenerezza materna ; amare qualcuno con tenerezza ; a quel ricordo fu invaso da un'immensa tenerezza  (3) pl. atti, parole tenere: farsi , dirsi delle tenerezze ; le eccessive tenerezze diseducano i figli.  

leggi

tenerità

s.f. (ant.) tenerezza. 

leggi

tenerume

s.m.  (1) insieme di cartilagini molli proprie di alcuni tagli di carne, spec. di quelli destinati al bollito: tenerume di manzo  (2) insieme di cose tenere | (fig.) smancerie, sdolcinature. 

leggi

Sitemap