ventilato

part. pass. di ventilare agg. arieggiato, arioso: zona ventilata.

ventilatore

s.m.  (1) (edil.) apertura praticata in una parete al fine di consentire il ricambio dell'aria in un ambiente chiuso (2) apparecchio elettrico costituito essenzialmente da un organo girante (ventola) il cui movimento crea una corrente d'aria o di altro aeriforme: ventilatore assiale , centrifugo.  

leggi

ventilatorista

s.m. e f. [pl. m. -sti] tecnico addetto all'istallazione e alla manutenzione di impianti di ventilazione. 

leggi

ventilare

v. tr. [io vèntilo ecc.] (1) far circolare l'aria in un ambiente chiuso; aerare: aprire le finestre per ventilare la stanza | (lett.) far vento: mosse le penne poi e ventilonne (dante purg. xix, 49) (2) di grano o altri cereali, gettarli in aria con la pala facendoli investire trasversalmente da una corrente d'aria, naturale o artificiale, per separare i chicchi dalla pula e altre impurità leggere (3) (fig.) proporre, prospettare, avanzare: ventilare una proposta , un progetto....

leggi

ventilabro

s.m.  (1) attrezzo di legno a forma di larga pala per ventilare il grano o altri cereali (2) (mus.) valvola dell'organo che regola l'afflusso dell'aria. 

leggi

ventilamento

s.m. (non com.) il ventilare. 

leggi

ventilazione

s.f.  (1) il ventilare; aerazione: la ventilazione di un ambiente ; impianto di ventilazione | lo spirare del vento: in riva al mare c'è sempre una certa ventilazione  (2) ventilazione polmonare , (med.) il rinnovamento dell'aria che si opera nei polmoni mediante la respirazione. 

leggi

ventilconvettore

s.m. apparecchio per il riscaldamento di ambienti domestici, costituito da un ventilatore che diffonde aria attraverso una serpentina in cui circola acqua calda. 

leggi

Sitemap