vigere

v. intr. [si usa solo nelle terze persone sing. e pl. del pres. e imperf. indic. e congiunt., nel part. pres. e nel ger. pres.]

1.  essere in vigore (detto di leggi, usanze e sim.): una norma che vige ormai da molti anni

2.  (lett.) avere, prendere vigore: o donna in cui la mia speranza vige (dante par. xxxi, 79).

vigente

part. pres. di vigere agg. che è in vigore (detto di leggi, usanze e sim.): norme , disposizioni vigenti.  

leggi

vigenza

s.f. (rar.) l'essere vigente. 

leggi

vigesima

s.f. antica imposta equivalente a un ventesimo del reddito. 

leggi

vigesimale

agg. (mat.) si dice di sistema di numerazione che ha per base il numero venti. 

leggi

vigesimo

agg. num. (lett.) ventesimo | entra talora nella composizione dei numerali ordinali da 21° a 29° : papa giovanni vigesimo terzo.  

leggi

vigilante

part. pres. di vigilare agg. (non com.) vigile, attento, sollecito: seguire con cura vigilante s.m.  (1) [anche f.] (non com.) chi vigila, chi è addetto a una vigilanza (2) dispositivo di sicurezza sui locomotori ferroviari, che blocca automaticamente il convoglio nel caso che il macchinista ometta di eseguire determinate operazioni § vigilantemente avv.  

leggi

vigilante

s.m. [pl. vigilantes] agente inquadrato in un corpo di polizia privata, addetto a compiti di guardia o di sorveglianza di banche, residenze private ecc. 

leggi

vigilantismo

s.m. tendenza a delegare il controllo dell'ordine pubblico a corpi di polizia privata. 

leggi

vigilanza

s.f.  (1) il vigilare; sorveglianza, controllo: sottrarsi alla vigilanza di qualcuno | vigilanza speciale , la sorveglianza particolare, stabilita dalla legge, a cui possono essere sottoposte, per un periodo determinato, le persone pericolose (2) cura, attenzione scrupolosa: occorre la massima vigilanza.  

leggi

vigilare

v. intr. [io vìgilo ecc. ; aus. avere] (1) (lett.) stare sveglio, vegliare (2) sorvegliare, stare all'erta; fare attenzione, badare, vegliare: vigilare che i bambini non si facciano male ; vigilare al buon andamento degli affari | v. tr. sorvegliare, controllare con cura: vigilare i figli , i propri affari.  

leggi

Sitemap