villa

s.f.

1.  casa signorile, circondata da un giardino o da un parco: abitare in una villa in collina ; possedere una villa al mare , sul lago ; le ville medicee , palladiane. dim. villetta , villettina , villina , villino (m.), villuccia accr. villona , villone (m.) pegg. villaccia

2.  (region.) parco, giardino annesso a una villa; anche, parco, giardino in genere: villa comunale ; villa borghese , a roma

3.  (lett.) campagna, contado | uomo di villa , campagnolo, villano

4.  (lett.) piccolo borgo, paese: odi spesso un tonar di ferree canne / che rimbomba lontan di villa in villa (leopardi il passero solitario 30-31) | città: i' fui nato e cresciuto / sovra 'l bel fiume d'arno a la gran villa (dante inf. xxiii, 94-95).

villaggio

s.m.  (1) centro abitato di limitate dimensioni: un villaggio di campagna ; un villaggio alpino ; lo scemo del villaggio , (fig.) persona sciocca facilmente raggirabile (dall'antica usanza, tipica nei piccoli paesi, di deridere chi appariva strambo di modi o debole di mente) | villaggio globale , il mondo considerato come un unico villaggio, per effetto del potere unificante dei mezzi di comunicazioni di massa | villaggio elettronico , il mondo unificato dalle tecnologie elettroniche |...

leggi

villanata

s.f. atto, discorso da villano: fare , dire una villanata.  

leggi

villancico

s.m. invar. composizione poetico-musicale spagnola di origine medievale costituita da diverse strofe intercalate da un ritornello; dapprima polifonica, poi monodica, fu infine organizzata in forma di cantata sacra in più parti per soli, coro e strumenti. 

leggi

villaneggiare

v. tr. [io villanéggio ecc.] (lett.) svillaneggiare; insultare | v. intr. [aus. avere] (non com.) comportarsi, avere modi da villano. 

leggi

villanella

s.f.  (1) (lett.) contadinella giovane e graziosa (2) (mus.) composizione vocale di origine napoletana in voga nei secc. xvi e xvii, generalmente a tre voci, su testi di carattere popolare, spesso in dialetto | il testo stesso su cui si cantava. 

leggi

villanello

s.m. (ant. , lett.) contadinello: lo villanello a cui la roba manca, / si leva, e guarda, e vede la campagna / biancheggiar tutta (dante inf. xxiv, 7-9). 

leggi

villanesca

s.f. (mus.) lo stesso che villanella.  

leggi

villanesco

agg. [pl. m. -schi] (1) (non com.) di villano: usanze villanesche | canzone , poesia villanesca , villanella (2) (spreg.) da villano; rozzo, incivile: un fare villanesco ; modi villaneschi § villanescamente avv.  

leggi

villania

s.f.  (1) l'essere villano; scortesia: la sua villania è intollerabile  (2) atto o detto villano: fare , dire una villania ; ricevere una villania | far villania , (ant.) commettere ingiustizia: messer, voi fate villania a non farmi ragione (boccaccio dec. viii, 5). 

leggi

villano

s.m. [f. -a] (1) (ant. , lett.) abitante della campagna: però giri fortuna la sua rota / come le piace, e 'l villan la sua marra (dante inf. xv, 95-96) | prov. : carta canta, villan dorme , quando si ha in mano qualcosa di scritto, si può stare più tranquilli che i patti vengano rispettati (2) (spreg.) persona rozza, priva di garbo e cortesia: comportarsi da villano ; non fare il villano! | villano rifatto , rivestito , ripulito , si dice di chi è diventato ricco o è salito...

leggi

Sitemap