virtù

ant. vertù, vertude, vertute, virtude, virtute, s.f.

1.  la disposizione costante della volontà a uniformarsi alla legge morale; l'abitudine connaturata di fare il bene: praticare , esercitare la virtù ; seguire la via della virtù ; essere esempio di virtù | nella teologia cristiana: virtù etiche , naturali o cardinali , prudenza, giustizia, fortezza e temperanza, virtù che riguardano la vita attiva e che l'uomo può praticare perfettamente con le sole sue forze; virtù soprannaturali o teologali , fede, speranza e carità, virtù infuse da dio nell'uomo per grazia e necessarie alla salvezza

2.  (estens.) ogni buona qualità o pregio dell'animo umano: la virtù della pazienza ; un uomo pieno di virtù ; avere molti vizi e poche virtù | fare di necessità virtù , adattarsi alle necessità

3.  riferito a donna, castità: attentare alla virtù di una ragazza

4.  pl. il complesso delle qualità positive idealmente proprie di uno stato sociale, una professione ecc.: le virtù del buon amministratore , dello sportivo

5.  (lett.) valore militare: vertù contra furore / prenderà l'arme, e fia 'l combatter corto (petrarca canz. cxxviii, 93-94) | valore e forza d'animo che spingono l'uomo a raggiungere un fine lottando contro le avversità della sorte: la «virtù» e la «fortuna» nel pensiero di machiavelli

6.  potere attivo, forza, efficacia; facoltà, capacità: la virtù di una formula magica ; un'acqua minerale che possiede virtù terapeutiche ; o lume pregno / di gran virtù, dal quale io riconosco / tutto, qual che si sia, il mio ingegno (dante par. xxii, 112-114) | la prima virtù , la virtù somma , divina , dio | in, per virtù di , in forza, a opera di: in virtù dei poteri conferiti ; per virtù dello spirito santo , per intervento miracoloso dello spirito santo; (scherz.) in modo inspiegabile

7.  pl. nell'angelologia cristiana, il quinto dei nove cori angelici.

adorno

agg.  (1) abbellito con ornamenti (anche fig.): una tavola adorna di fiori ; animo adorno di virtù  (2) (lett.) bello, leggiadro: e andarò cercando il viso adorno (boiardo). 

leggi

adiaforia

s.f. (filos.) ideale etico dei cinici e degli stoici, consistente nell'indifferenza di fronte alle cose che non sono né virtù né vizio, e risultano perciò insignificanti per il raggiungimento della felicità. 

leggi

Sitemap