accrescimento

s.m.

1.  l'accrescere, l'accrescersi; incremento, aumento

2.  (biol.) aumento nel tempo delle dimensioni di un organismo | ormone dell'accrescimento , ormone somatotropo

3.  (min.) graduale aumento delle dimensioni di un cristallo per lenta e ordinata sovrapposizione di particelle

4.  (dir.) aumento della quota spettante a un coerede, condonatario o collegatario, per mancato rilevamento della quota da parte di altro erede, donatario o legatario.

iposomia

s.f. (med.) accrescimento corporeo inferiore alla norma. 

leggi

anabolizzante

agg. e s.m. (med.) si dice di sostanza che favorisce l'anabolismo, determinando un accrescimento del volume dei muscoli. 

leggi

incremento

s.m.  (1) accrescimento, aumento, sviluppo: incremento della popolazione , dei prezzi ; dare incremento alla ricerca scientifica  (2) (ling.) accrescimento di una parola mediante desinenze o suffissi (3) (mat.) differenza, generalmente intesa di segno positivo, fra due valori di una stessa variabile. 

leggi

ipoplasia

s.f. (biol.) sviluppo insufficiente o diminuzione di volume di un organo per mancato accrescimento o per diminuzione del numero delle sue cellule. 

leggi

acantosi

s.f. (med.) malattia della pelle caratterizzata da anormale accrescimento dello strato epidermico, con ispessimenti o placche spec. alle ascelle, all'inguine e alla nuca. 

leggi

fasciazione

s.f. (bot.) fenomeno per cui il fusto di una pianta, normalmente cilindrico, assume forma appiattita in seguito ad accrescimento disuguale. 

leggi

eburneazione

s.f. (med.) processo patologico consistente nell'anormale accrescimento e ispessimento del tessuto osseo, che assume un aspetto simile a quello dell'avorio. 

leggi

eutrofizzazione

s.f. (biol.) eccessivo accrescimento e abnorme moltiplicazione delle piante acquatiche, per effetto della presenza nelle acque di dosi troppo elevate di sostanze nutritive. 

leggi

pantotenico

agg. (chim. biol.) si dice di un acido organico azotato a nove atomi di carbonio che costituisce una vitamina del gruppo b ed è un fattore di accrescimento corporeo. 

leggi

geotropismo

s.m. (bot.) orientamento degli organi vegetali in via di accrescimento determinato dalla forza di gravità: geotropismo positivo , verso il centro della terra; geotropismo negativo , in senso opposto. 

leggi

gigantismo

s.m.  (1) (med.) accrescimento anormale del corpo, spec. in altezza (2) (estens.) sviluppo esagerato di un'organizzazione (3) (fig.) tendenza a concepire idee eccessivamente grandiose, progetti colossali. 

leggi

accrescere

v. tr. [coniugato come crescere] rendere maggiore di quantità o di numero; ampliare, aumentare: accrescere il patrimonio | v. intr. [aus. essere], accrescersi v. rifl. aumentare, ingrandirsi. 

leggi

accrescitivo

agg. che accresce, che ha capacità di accrescere s.m. (gramm.) forma alterata di un sostantivo o di un aggettivo, che esprime un'idea di grande, maggiore del normale o anche di importante, di miglior qualità si otteniene mediante aggiunta del suffisso (detto appunto 'accrescitivo') -one per il m., -ona per il f. (p. e. libro / librone , casa / casona , professore / professorone), a volte anche con cambiamento di genere (p. e. la stanza / lo stanzone) | falso accrescitivo , gioco...

leggi

accrescitore

agg. e s.m. [f. -trice] (non com.) che, chi accresce. 

leggi

Sitemap