adduare

v. tr. (ant.) raddoppiare | adduarsi (ant.) v. rifl. raddoppiarsi: fu viso a me cantare essa sustanza, / sopra la qual doppio lume s'addua (dante par. vii, 5-6).

adducibile

agg. che si può addurre. 

leggi

addugliare

v. tr. [io addùglio ecc.] (mar.) ripiegare un cavo di bordo avvolgendolo in spire successive concentriche, dette duglie.  

leggi

addurre

ant. adducere [ad-dù-ce-re], v. tr. [pres. indic. io adduco , tu adduci ecc. ; fut. io addurrò ecc. ; pass. rem. io addussi , tu adducésti ecc. ; cond. io addurrèi ecc. ; part. pass. addótto] (1) produrre, allegare; presentare a sostegno, citare a riprova: addurre un pretesto , una prova , un documento  (2) (poet.) arrecare, provocare: l'ira funesta, che infiniti addusse / lutti agli achei (monti) (3) (fisiol.) detto di muscolo, avvicinare un arto o una parte mobile del...

leggi

adduttore

agg. e s.m. [f. -trice] (1) (tecn.) si dice di ciò che porta, conduce: condotta adduttrice , quella che porta l'acqua al luogo dove viene utilizzata (2) (anat.) si dice di muscolo che consente i movimenti di adduzione: gli adduttori della coscia.  

leggi

adduzione

s.f. (fisiol.) il movimento dell'addurre. 

leggi

Sitemap