delibera

s.f. (burocr.) deliberazione.

deliberante

(1) part. pres. di deliberare (2) agg. che delibera, che può deliberare: organo , potere deliberante.  

leggi

deliberare

o diliberare, diliverare, dilivrare [di-li-vrà-re], v. tr. [io delìbero ecc.] (ant.) liberare: ben venne a dilivrarmi un grande amico (petrarca canz. lxxxi, 5). 

leggi

deliberare

ant. diliberare, v. tr. [io delìbero ecc.] (1) (lett.) decidere, stabilire | (burocr.) detto di un organo collegiale, approvare con una decisione che ha valore esecutivo: il consiglio delibererà i nuovi impegni di spesa  (2) nelle vendite all'asta, aggiudicare: il quadro è stato deliberato per dieci milioni | v. intr. [aus. avere] (burocr.) prendere una decisione che ha valore esecutivo; stabilire, disporre: la corte si è ritirata per deliberare ; deliberare in , su una materia |...

leggi

deliberatario

s.m. (dir.) chi in una vendita all'asta si è aggiudicato qualcosa. 

leggi

deliberativa

s.f. (non com.) facoltà di deliberare, di decidere. 

leggi

deliberativo

agg. che vale a deliberare, a decidere di una questione: voto , potere deliberativo | procedimento , modo deliberativo , (ret.) quello in cui un soggetto chiede a sé stesso in che modo si debba comportare (p. e. che debbo fare?) | genere deliberativo , nella retorica antica, uno dei tre generi dell'eloquenza, il cui fine è di persuadere o dissuadere. 

leggi

deliberato

part. pass. di deliberare (1) agg.  (2) fermo, deciso, risoluto: con animo deliberato  (3) voluto, volontario, intenzionale: lo uccise con deliberata ferocia s.m. (burocr.) deliberazione, decisione: il deliberato dell'assemblea § deliberatamente avv. di proposito. 

leggi

deliberatore

agg. e s.m. [f. -trice] (non com.) che, chi delibera. 

leggi

deliberazione

s.f.  (1) il deliberare, l'essere deliberato; la cosa deliberata: prendere , votare una deliberazione  (2) (psicol.) momento del processo volitivo in cui l'uomo considera e valuta i vari elementi che lo porteranno a compiere una determinata scelta. 

leggi

assessoriale

meno com. assessorile [as-ses-so-rì-le], agg. di assessore, degli assessori: delibera assessoriale.  

leggi

quorum

s.m. invar. quota minima, calcolata numericamente o in percentuale, dei voti espressi o dei votanti, richiesta perché una elezione o una delibera sia valida. 

leggi

legittimità

s.f. l'essere legittimo, valido, fondato: la legittimità di una pretesa , di una richiesta , di un sospetto | (dir.) conformità alla legge di un atto amministrativo: impugnare una delibera per vizio di legittimità.  

leggi

Sitemap