marcio

agg. [pl. f. -ce , lett. -cie]

1.  che è andato a male, che si è guastato: uova marce ; verdura , acqua marcia

2.  (pop.) guasto per infezione, suppurato (detto di parte del corpo)

3.  gonfiato, deteriorato dall'umidità: legno , intonaco marcio

4.  (fig.) corrotto: una società marcia | con valore di rafforzativo peggiorativo: avere torto marcio , completamente torto s.m.

5.  la parte marcia di qualcosa: togliere il marcio a una mela

6.  (fig.) corruzione morale, bruttura: c'è del marcio in quella famiglia.

marcioso

agg. (lett.) pieno di marcia; purulento, marcio: per tutto cenci, e più ributtanti de' cenci, fasce marciose (manzoni p. s. xxxiv). 

leggi

marcido

agg.  (1) (lett.) marcio (anche fig.) (2) (fig. ant.) ebbro. 

leggi

marciare

v. intr. [io màrcio ecc. ; aus. avere] (1) procedere a passo uniforme e cadenzato (detto spec. di militari); camminare, avanzare con un certo ordine e nella stessa direzione (detto di un gruppo di persone): marciare in riga , in colonna ; i dimostranti marciavano in corteo | far marciare qualcuno , (fig.) farlo rigare diritto; anche, mandarlo via, licenziarlo | marciarci , (region.) cercare di approfittare di una situazione (2) dirigersi verso un obiettivo (detto spec. di militari):...

leggi

marc'

vedi marsc'. 

leggi

marca

s.f.  (1) segno o simbolo impresso su un oggetto per indicarne la proprietà, il luogo di provenienza, di fabbricazione, la qualità o altre caratteristiche | di (buona) marca , di qualità scelta | marca tipografica , quella stampata nei libri sul frontespizio o sull'ultima pagina, che rappresenta il contrassegno dell'editore (2) (estens.) l'impresa produttrice, in quanto identificata da un segno: al salone dell'automobile erano rappresentate molte marche  (3) biglietto o gettone...

leggi

marca

s.f.  (1) nell'impero carolingio, territorio di frontiera; il termine sopravvive oggi nella toponomastica: marca trevigiana ; le marche  (2) (ant.) regione, plaga: parlare in modo soave e benigno, / qual non si sente in questa mortal marca (dante purg. xix, 44-45). 

leggi

marcamento

s.m. nel calcio e in altri giochi a squadre, azione di controllo e di sorveglianza che si esercita su un avversario o su una zona del campo: marcamento a uomo , a zona.  

leggi

marcantonio

s.m. [f. -a] (scherz.) persona alta e robusta: un bel pezzo di marcantonio.  

leggi

marcapezzi

s.m. e f. invar. chi marca prodotti industriali; marcatore. 

leggi

marcapiano

s.m. [pl. -ni] striscia colorata o in rilievo che, sulla parete esterna di una casa, indica il limite tra un piano e l'altro. 

leggi

marcapunto

o marcapunti , s.m. [pl. invar. o -ti] arnese da calzolaio con una rotellina dentata che serve a segnare i punti da dare sulla suola delle scarpe. 

leggi

marcare

v. tr. [io marco , tu marchi ecc.] (1) segnare qualcosa con una marca o un marchio: marcare la biancheria ; marcare le pecore | marcare visita , nel gergo militare, dichiararsi ammalato, chiedendo di essere visitato dal medico (2) nell'uso tecnico e scientifico, segnare una misura, effettuare il rilevamento di un dato: marcare l'ora , la temperatura  (3) nel linguaggio sportivo, controllare, sorvegliare un avversario o una zona del campo (anche assol.): marcare a uomo , a zona ;...

leggi

marcasite

o marcassite , s.f. minerale lucido e compatto costituito da solfuri di ferro, usato in oreficeria e bigiotteria. 

leggi

Sitemap